I confederali: «Le attività lavorative aperte devono essere davvero essenziali o sarà sciopero generale»

Gianluca Zilocchi, Marina Molinari e Francesco Bighi per Cgil, Cisl e Uil annunciano la mobilitazione anche nel territorio piacentino

«Le attività lavorative che rimangono aperte, devono essere davvero essenziali o sarà sciopero generale. La pubblicazione dell'elenco di ottanta attività che potranno restare attive anche dopo il 25 marzo non deve diventare un alibi per mettere a rischio la salute delle lavoratrici e dei lavoratori»:  Gianluca Zilocchi, Marina Molinari e Francesco Bighi per Cgil, Cisl e Uil annunciano la mobilitazione anche nel territorio piacentino. 

«A differenza da quanto indicato in precedenza dal Governo alle parti sociali ed al Paese, - spiegano ii confederali - in queste ore sembra che nel decreto, l’esecutivo abbia aggiunto all’elenco dei settori e delle attività da considerare essenziali nelle prossime due settimane per contenere e combattere il virus Covid-19, anche attività produttive di ogni genere. Bisogna che sia fatta chiarezza, in modo che la tutela della salute pubblica sia effettiva in tutta la provincia di Piacenza». 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A livello nazionale Cgil, Cisl e Uil chiedono infatti «con estrema urgenza un incontro con il Governo per chiarimenti sull’allegato che indica una serie di attività industriali e commerciali per le quali si dispone la sospensione fino al 3 aprile 2020. Tale allegato prevede un elenco molto consistente di attività industriali e commerciali aggiuntive, per gran parte delle quali i sindacati confederali non vedono sussistere la caratteristica di indispensabilità o essenzialità. Se mancasse un chiarimento, a difesa della salute dei lavoratori e di tutti i cittadini, CGIL CISL UIL sono pronte a proclamare in tutte le categorie che non svolgono attività essenziali lo stato di mobilitazione e la conseguente richiesta del ricorso alla cassa integrazione, fino ad arrivare allo sciopero generale. In questa fase difficile del Paese - sottolineano Zilocchi, Molinari e Bighi - abbiamo messo in evidenza la necessità di mettere al primo posto, la salute e la sicurezza dei lavoratori e delle lavoratrici». 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ruba scarpe da 40 euro ma nella mascherina ne ha più di 6mila: nomade denunciata

  • Tenta un sorpasso a velocità folle poi si ribalta e tenta di scappare a piedi: denunciato

  • Nina Zilli porta Guido Meda in giro per la Valtrebbia

  • San Polo, camion di pomodori si ribalta e perde tutto il carico

  • Diventano parenti al matrimonio e poi si picchiano al bar: due feriti e una denuncia

  • Rissa al Tuxedo, parla il gruppo dei campani: «Noi offesi, minacciati e insultati»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento