rotate-mobile
Sabato, 27 Novembre 2021
Attualità

Il Cammino del Po, dal Monviso alla foce del Grande Fiume

Un progetto che attraversa Piemonte, Lombardia, Emilia-Romagna e Veneto, adatto a tutti i “camminatori”, anche con disabilità, all’insegna dell’Agenda 2030

"Il Cammino del Po, dal Monviso alla foce del fiume Po" è un percorso di oltre 600 chilometri sulle rive del Grande Fiume, che parte da Pian del Re e termina a Pila. Il cammino si articola in quattro aree, che rimandano alle fasi evolutive del Po: la nascita (da Pian del Re a Torino), lo sviluppo (da Torino a Cremona), la maturità (da Cremona a Ferrara) e la trasformazione (da Ferrara a Pila). Il percorso, che attraversa Piemonte, Lombardia, Emilia-Romagna e Veneto, può essere affrontato a piedi, in bicicletta e in carrozzina. "Il Cammino del Po", infatti, è stato progettato dall'Associazione Sportiva Dilettantistica Il Cammino del Po - APS, grazie al sostegno di Pomì, Bacchi Spa, Quixa, Panguaneta Spa, Stabili Srl e Trasporti Pesanti Srl, al contributo della Fondazione Comunitaria della Provincia di Cremona e alla collaborazione di ANMIC Cremona.
Si tratta di un'idea progettuale alla portata di tutti: singoli camminatori più o meno esperti, famiglie con bambini, gruppi di giovani, anziani e persone diversamente abili. Il territorio pianeggiante sul quale si articola rende particolarmente idonea la sua percorribilità ad una platea variegata e composita, non ponendo i vincoli di accessibilità che, spesso, collina e montagna comportano. L'idea alla base di questo progetto è quella di anteporre le esigenze dei camminatori "non professionisti", anche a mobilità ridotta, rispetto a quelle dei camminatori ormai esperti. Il percorso si connota per itinerari particolarmente suggestivi, ispirati ai percorsi naturalistici tipici del Grande Fiume.

Il Cammino del Po è dunque un progetto che utilizza il "camminare" come strumento per veicolare numerosi messaggi in linea con il programma di azione per lo sviluppo sostenibile di Agenda 2030, tra i quali:

  • la riscoperta del valore aggiunto della pratica sportiva non agonistica e di uno stile di vita sano e rispettoso del rapporto tra uomo e ambiente;
  • la progettazione di un percorso a tappe inclusivo ovvero adatto ad ogni età e progettato anche per i bambini e persone diversamente abili;
  • la proposta di un "prodotto" turistico sostenibile e di prossimità, quindi in armonia con l'ambiente, la comunità e le culture locali;
  • la valorizzazione del territorio bagnato dal Po con le sue tradizioni, la sua storia e il suo patrimonio artistico;
  • l'adozione di un approccio metodologico che parte dal basso coinvolgendo la comunità locale attraversata dal tracciato per valorizzarne le competenze, i servizi (pubblici e del privato sociale) e le attività commerciali affinché anche i residenti ne siano beneficiari;
  • la consapevolezza che per raggiungere gli obiettivi che ci si prefigge servono impegno, studio, fatica, passione, divertimento in giusta dose e che i propri limiti possono essere trasformati in straordinari punti di forza? come Andrea Devicenzi, atleta paralimpico - mental coach e membro del gruppo di lavoro, ci testimonia quotidianamente.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Cammino del Po, dal Monviso alla foce del Grande Fiume

IlPiacenza è in caricamento