menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il Conservatorio Nicolini a Potenza: applausi per il concerto di due studenti

Prosegue lo scambio artistico-culturale tra la città di Piacenza e quella di Potenza, nel quadro delle celebrazioni per il 900° anniversario della morte del Santo piacentino Gerardo Della Porta, patrono e già vescovo del capoluogo lucano, con il patrocinio delle Amministrazioni comunali e delle Diocesi di Potenza e di Piacenza. Il 5 maggio scorso il Conservatorio Nicolini ha ospitato il concerto del "Trio Gesualdo" del Conservatorio potentino G. Da Venosa; nella serata di ieri, venerdì 31 maggio, è stata la volta del Nicolini a Potenza: presso la Chiesa di San Michele, concerto degli studenti Gilberto Accurso, flauto traverso, e Hye Kyung Kim, clavicembalo. In programma, Sonata in mi minore per flauto e continuo di G. F. Haendel, Hamburger sonata per flauto e continuo, Sonata in mi minore per flauto e continuo, Concerto italiano per clavicembalo  di J.S. Bach. L'esibizione è stata apprezzata e fortemente applaudita dal pubblico presente, formato anche dalle Autorità cittadine che hanno accolto calorosamente i ragazzi e il direttore del Conservatorio Lorenzo Missaglia. Gilberto Accurso frequenta il corso di laurea biennale di flauto presso il Nicolini con il Maestro V. Gallo, seguendo corsi di perfezionamento con J. Balint e M. Petrilli. Kim Hye Kyung è nata a Seoul, Corea del sud. Laureatasi in musica da camera e pianoforte sotto la guida di Massimo Cottica e Manuella Dalla Fontana presso il Nicolini, attualmente vi frequenta il biennio di clavicembalo nella classe di Paola Poncet. La presidente del Conservatorio piacentino Paola Pedrazzini sottolinea in questa importante occasione come "l'esperienza sia all'insegna del gemellaggio e dell'unione: dopo aver avuto il piacere di ospitare i giovani musicisti potentini al nostro Conservatorio  nel concerto del 5 maggio scorso, è un onore per noi portare nella città di Potenza due dei nostri talenti. L'interscambio e la reciprocità tra istituzioni come le nostre, che offrono formazione musicale per eccellenza, di alto livello, sono virtuose: danno l'occasione ai nostri ragazzi di misurarsi con pubblici diversi, di conoscere colleghi di studio che si formano presso altre scuole, con diverse docenze. Uno scambio che diventa quindi anche culturale, oltre che artistico in senso stretto". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento