Il coraggio di Raffaele e la lotta al bullismo a Tu Si Que Vales: «Siate gentili»

Il piacentino Raffale Capperi arriva su canale Cinque e incanta il pubblico e i giudici di Tu Si Que Vales. Nel monologo racconta la sua vita difficile con la sindrome di Treacher-Collins

Raffaele Capperi

«Sono nato con la sindrome di Treacher-Collins, una malattia che provoca malformazione al viso, problemi di respirazione e udito ma non mina l’attività cerebrale.⁣ Forse molte persone conoscono questa malattia per avere visto il film Wonder il cui protagonista nasce con questa sindrome e a scuola subisce feroci attacchi di bullismo e di scherno a causa del suo aspetto.⁣ Ho subito tante operazioni di ricostruzione del volto. Fino a 19 anni sono stato quasi del tutto sordo e adesso sento grazie a un apparecchio acustico. Invece la voce mi è rimasta nasale ma me ne sono fatti una ragione. Da bambino pensavo che sarei riuscito ad avere un aspetto simile a quello degli altri bambini in breve tempo. Invece ci sono voluti molti anni e molti interventi chirurgici per diventare come sono adesso». Il piacentino Raffale Capperi arriva su canale Cinque e incanta il pubblico e i giudici di Tu Si Que Vales, la nota trasmissione con Maria De Filippi, Luca Zerbi, Teo Mammuccari, Gerry Scotti e Sabrina Ferilli. 

raffaele capperi-5Il suo monologo, di cui riportiamo alcuni passi, ha emozionato i conduttori che lo hanno applaudito e ringraziato per aver portato sul palco del sabato sera un argomento così importante come la lotta al bullismo. «La mia famiglia - spiega - mi ha fatto operare da piccolo, non per com’ero ma per permettermi di vivere una vita più serena. Li ringrazierò a vita perché mi hanno trasmesso solo amore. Purtroppo non tutti i bambini hanno avuto la stessa fortuna. Il mondo è stato cattivo con me. Fin da bambino il mio aspetto ha generato reazioni esagerate e di disprezzo. Ho pianto in silenzio per non pesare sui miei genitori. Inizio diverse scuole ma le difficoltà erano troppe per poter stare al passo degli altri e in più non ci sentivo.⁣ Sono stato preso in giro da coetanei e adulti. Il bullismo mi ha fatto male, mi sentivo disprezzato. Non sapevo davvero cosa fare per non essere visto. Mi hanno chiamato mostro e alieno, ridendo alle mie spalle. Ma perché tutto questo? Dopo tanti anni di vita passata a nascondermi, ho avuto il coraggio di mostrare il mio viso sui social. Ed è proprio lì che ho ricevuto gli attacchi più terribili.⁣ Oggi sono qui perché vorrei riuscire a dire basta al bullismo. Nessuno dovrebbe accanirsi contro chi ha il coraggio di mostrare la propria diversità.⁣ Siate gentili».

raffaele capperi-6

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le spaccano la faccia contro una cancellata per rapinarla della borsa

  • Carla non ce l'ha fatta, il suo alpino Stefano la piange dopo la serenata davanti all'ospedale

  • Cacciatore cade in un dirupo e muore

  • Scaraventano un cancello contro la polizia per scappare dopo il colpo: quattro arresti

  • Cene e ritrovi clandestini in due locali, blitz della finanza: multa per tutti e attività sospesa

  • Nuova ordinanza della Regione: aperti i negozi nei festivi. Ma si rimane in fascia arancione

Torna su
IlPiacenza è in caricamento