Il fiume Po strumento fondamentale per migliorare l’ambiente della Pianura Padana

il Rotary Fiorenzuola di concerto con il Rotary Valli Nure e Trebbia, ha organizzato un Interclub presso la suggestiva location dell’agriturismo “La finestra sul Po” a San Nazzaro di Monticelli d’Ongina

La Pianura Padana, uno dei territori più produttivi d’Europa per industria, agricoltura e con un elevato numero di abitanti. Una terra suggestiva, ricca di storia, cultura, monumenti, ma purtroppo anche tra le più inquinate, con una qualità dell’aria decisamente negativa, con preoccupanti impatti sulla salute delle persone. In questo contesto il nostro fiume Po, il “gran padre Eridano”, potrebbe divenire uno strumento fondamentale per migliorare l’eco-sistema, soprattutto attraverso una ritrovata navigabilità che unisca le regioni che attraversa fino al mare Adriatico, una “via d’acqua” che sostituisca decisamente il trasporto su ruota e ferrovia. Chiatte che potrebbero ogni volta trasportare l’equivalente di 70 camion e di 16 vagoni ferroviari, come del resto avviene in molti paesi europei, dalla Francia alla Germania, ai paesi del Nord Europa.

Per trattare di questo importantissimo argomento, anche alla luce della costruzione dell’apertura della Conca di Isola Serafini, il Rotary Fiorenzuola (con il presidente Marcello Redaelli che ha da poco sostituito l’attuale past president Rinaldo Onesti), di concerto con il Rotary Valli Nure e Trebbia (con il presidente Riccardo Cioce), ha organizzato un Interclub presso la suggestiva location dell’agriturismo “La finestra sul Po” a San Nazzaro di Monticelli d’Ongina, un partecipato incontro con l’ing. Clara Caroli, Responsabile dell’Unità Progetti Europei di AIPO.

Dopo il saluto di Redaelli e Cioce, dell’assistente per Piacenza del Governatore del Distretto 2050 Antonio Stefano Campagnoli e dopo un breve intervento del socio Stefano Pavesi che ha illustrato  il progetto di formazione per i soci denominato “Gocce di Rotary”, ha preso la parola l’ing. Caroli che ha ricordato “come troppo spesso si diano per scontate le bellezze del nostro territorio che attrae invece moltissimi visitatori. La Pianura padana- ha detto- rappresenta un bacino dove vivono 16 milioni di persone, esprime il 46% dei posti di lavoro del nostro paese, il 35% della produzione agricola ed il 40% del Pil”.

Ma siamo anche il paese- è stato sottolineato-  che rischia infrazioni comunitarie per lo sforamento di polveri sottili e che fa viaggiare su gomma oltre il 90% dei tonnellaggi (e appena il 6% su rotaia): l’obiettivo di utilizzare il Po come idrovia è tutt'altro che scontato e potrebbe diventare un’alternativa sostenibile non solo dal punto di vista ambientale, ma anche economico. Si inserisce in questa cornice la notizia che i lavori a Piacenza nella nuova conca di Isola Serafini sono stati completati ed entro fine anno il fiume sarà navigabile dal capoluogo emiliano fino a Chioggia. Il Po, secondo i progetti europei del miglioramento del sistema idroviario del Nord Italia, con il Grande fiume e i suoi canali può diventare tra i dieci corridoi chiave della rete transeuropea dei trasporti 2014-2020.

“I lavori in corso- ha ricordato l’ing. Caroli- oltre ad Isola Serafini, riguardano l’eliminazione di altri colli di bottiglia sull'idrovia padana: a Porto Levante nel Rodigino e lungo Canale Boicelli nel Ferrarese”. La relatrice ha ricordato il progetto del Global Project Il per il sistema navigabile del fiume Po e dei canali ad esso collegati che rientra tra le Reti strategiche europee (Reti Core), nell’ambito del Corridoio Mediterraneo. Tale sistema connette i porti interni di Cremona e Mantova a Ferrara, Porto Garibaldi e Venezia, Porto Nogaro e Monfalcone. L’Agenzia Interregionale per il fiume Po (AIPO), ente strumentale delle quattro Regioni del Po (Lombardia, Emilia-Romagna, Veneto, Piemonte), è impegnata a realizzare studi, progetti ed interventi per lo sviluppo ed il completamento della rete navigabile interna nel nord Italia, nel contesto del Global Project da tempo avviato sul sistema idroviario padano veneto.

Ma ancora oggi mancano le infrastrutture portuali ed ancora di più un’industria logistica che creda nell'investimento necessario per collegare operativamente Milano e il delta del Po via acqua; solo Cremona, Mantova, Boretto (Reggio Emilia) e Ferrara hanno banchine portuali ed oggi appena 300mila tonnellate di merci viaggiano sul fiume, quando erano un milione di tonnellate fino alla fine degli anni Novanta. Eppure in una giornata merci ingombranti e non deperibili come sfarinati, inerti, fertilizzanti, potrebbero viaggiare “slow” (24 ore) e “low impact” dal porto di Chioggia alla Lombardia.

Dando uno sguardo al futuro, agli obiettivi per il 2030, l’ing.Caroli  ha detto che “il fiume deve diventare motore dell’economia e per la qualità dell’ambiente, rendere il territorio fiorente e più coeso. Stiamo lavorando anche per migliorare sempre più la qualità dell’acqua e per il ritorno ad un eco-sistema con specie autoctone; occorrono però investimenti e controlli ed una gestione dei territori con attento monitoraggio e controlli”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Carla non ce l'ha fatta, il suo alpino Stefano la piange dopo la serenata davanti all'ospedale

  • Cacciatore cade in un dirupo e muore

  • Cene e ritrovi clandestini in due locali, blitz della finanza: multa per tutti e attività sospesa

  • «Noi facciamo sesso, licenziateci tutte». Il Centro Tice prende posizione sul caso della maestra di Torino

  • Nuova ordinanza della Regione: aperti i negozi nei festivi. Ma si rimane in fascia arancione

  • Le spaccano la faccia contro una cancellata per rapinarla della borsa

Torna su
IlPiacenza è in caricamento