rotate-mobile
Attualità

Il giorno della libertà dedicato a "I’ätar mort"

Per le celebrazioni dedicate ak giorno della libertà sarà inaugurata una stele dedicata a questa ricorrenza

In occasione della giornata della libertà di martedì 9 novembre, alle 11 nel giardino di via Santa Franca il Circolo culturale Luigi Einaudi celebra il giorno della libertà e per l’occasione sarà inaugurata una stele dedicata a questa ricorrenza. A tal fine il nostro poeta vernacolo Ernesto Colombani ha voluto dire la sua con una poesia.

I’ätar mort

Nuvitä dla Primogenita,

una stele propi inedita.

Un ricord ad chi è stä sgnä,                                                             

da chi gnan s’pö numinä!

           

Quattar gatt pri malizius,

seint miliòn pri pö cürius.               

Mia c’ag sia da fä i spiziär                                        

ma in si mort gh’è da fä ciär.         

Ac sia regìm o dittatüra,

a i’enn fatt föra da mzüra.

Giüst, allura, par memoria,

bsä bein bein la nossa storia.

Scond i fatt è vargugnus,

cmé parlä almä suttvùs.

Csé, un giardein co’ na scültüra,

l’è na vuz am sa urgugliusa.

Chi vö seint,

sarà cunteint

ma chi ac tegna quicc’ l’alvä

e  vö scond la realtä,

pena a vëd al munümeint,

g’buiarà i sentimeint.

Sì! Ag vö paziinza e ag vö al didein,

in dla piäga pucciä dein!

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il giorno della libertà dedicato a "I’ätar mort"

IlPiacenza è in caricamento