Il piacentino Michele Pinto tra i dieci finalisti di "Corti di lunga vita"

La finale si terrà il 10 dicembre al MAXXI di Roma dove la giuria tecnica, presieduta dal regista Paolo Virzì, proclamerà i vincitori della terza edizione del concorso internazionale di cortometraggi sul tema dell’anzianità

Sono stati annunciati i dieci finalisti di Corti di lunga vita, il concorso internazionale di cortometraggi, promosso dall’Associazione 50&Più che punta i riflettori sulla popolazione senior, proponendo ogni anno un tema specifico: Tutta la vita è il titolo di questa terza edizione - richiamo esplicito a uno dei brani più amati di Lucio Dalla.

Michele Pinto, nato a Piacenza nel 1995, con l’opera La memoria di Francesca è uno dei dieci finalisti selezionati tra i 64 registi - non solo dall’Italia, ma anche da Polonia, Ungheria, Colombia e Spagna - che hanno partecipato alla fase di candidatura.

Il 10 dicembre al MAXXI Museo nazionale delle arti del XXI secolo di Roma – via Guido Reni 4/a –, alle ore 18.30, si terrà la cerimonia di premiazione. A condurre l’evento sarà la giornalista Alessandra Rissotto che annuncerà i tre vincitori selezionati dalla giuria tecnica - composta da Paolo Virzì (Presidente), Lidia Ravera, Lina Pallotta, Marco Trabucchi e Nadio Delai - scelti tra i dieci finalisti che hanno superato la preselezione (in allegato la descrizione dei corti e la biografia degli autori). 

I 10 titoli finalisti: 

1. Fausts di Sofia e Matilde Zoe Quarisa, nate a Ciriè nel 2000 e nel 1999, e di Kate Contadini,

nata a Ivrea nel 2000

2. I Compari di Maria Alessandra Martini, nata a Napoli nel 1976

3. La memoria di Francesca di Michele Pinto, nato a Piacenza nel 1995

4. Letizia di Romeo Vincenzo De Nicola, nato a Roma nel 1991

5. Luoghi del cuore di Matteo Morsellino e Francesco Poggiali, nati a Livorno nel 1992 e nel 1994

6. Nanà di Alessandro Rossi, nato a Marino nel 1996

7. Olivetti 82 di Gianmarco Santoro, nato a Roma nel 1996, e Dario Lanciotti, nato a Latina nel 1993

8. Tutto il tempo che vogliamo di Riccardo Menicatti, nato a Genova nel 1986, e Bruno Ugioli, nato a Torino nel 1989

9. Vado e torno di Carlo Barbalucca, nato a Taranto nel 1994

10. Dodici minuti di pioggia di Fabio Teriaca, nato a Catania nel 1975

Le opere sono visibili sul sito web dedicato al concorso https://cortidilungavita.it/ oltre che sul canale YouTube del Centro Studi 50&Più. Le opere vincitrici verranno proiettate durante la cerimonia conclusiva del Concorso. L’età dei registi che hanno partecipato a questa terza edizione va dai 17 agli 84 anni, mentre l'età media dei finalisti è sotto i 30 anni.

«Siamo molto soddisfatti della risposta che ha avuto la terza edizione del nostro Concorso di cortometraggi sia per il riscontro ricevuto a livello internazionale sia per l’interesse suscitato nei giovani registi», dichiara Anna Maria Melloni, direttore del Centro Studi 50&Più. «Inoltre, la qualità dei corti, sia dal punto di vista tecnico che della narrazione, sì è rivelata superiore rispetto alle due precedenti edizioni. Segno di una maggiore attenzione e sensibilità al tema che abbiamo proposto in questa edizione e, forse, più in generale, a quello dell’invecchiamento e della vita in età anziana».

Al cortometraggio vincitore andrà un premio di 2.000 euro, il secondo riceverà un premio di 1.000 euro e 500 euro andranno al terzo classificato. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Alla cerimonia di premiazione della terza edizione del Concorso Corti di lunga vita sarà anche assegnato il Premio 50&Più, riservato ai cortometraggi realizzati dagli iscritti all’Associazione e dalle sedi 50&Più provinciali.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • «Mio marito è stato un dono per la mia vita»

  • Provincia in lutto, se ne è andata Roberta Solari

  • Covid-19, a Piacenza continuano a calare decessi e contagi

  • Contagi in drastico calo a Piacenza: il 7 aprile 17, ieri erano 44

  • Coronavirus e decessi, i numeri non tornano: se le vittime fossero molte di più?

  • Coronavirus, contagiati anche venti minori piacentini

Torna su
IlPiacenza è in caricamento