Il “basulon” della montagna piacentina: «In alcune frazioni vado per una sola persona»

Il 61enne Gianni Rocca parte da Ozzola (Marsaglia, in Alta Valtrebbia) anche con la neve per servire con il suo supermercato itinerante i comuni più piccoli e spopolati della montagna: è l'antico e prezioso mestiere di "basulon". «Il camion è la mia passione, mi faccio sempre trovare pronto»

Gianni Rocca, imprenditore e commerciante di Ozzola

«Di gente “senza roba” non ne lascio. Il mio è un servizio sociale, per questo sono sempre in movimento. E soffro se qualcuno attende e non mi vede arrivare». Gianni Rocca, 61enne di Ozzola (nel comune di Marsaglia-Cortebrugnatella), è il più conosciuto “basulon” della montagna piacentina. Gira i paesini dell’Appennino con un “supermercato” ambulante che ha di tutto: prodotti alimentari, frutta e verdura, dolci, salumi, vini, prodotti per la casa e quant’altro. Lo incrociamo mentre fa “magazzino” a Ozzola – in Alta Valtrebbia - alla domenica, il giorno meno itinerante della sua settimana, e ci apre le porte di “casa sua”. Si mostra subito disponibile a raccontare il suo particolare mestiere: «I tuoi nonni – si rivolge a chi scrive - mi vendevano le bestie! Altri tempi...».

IL PADRE INIZIO’ SPOSTANDOSI A CAVALLO

Il lavoro di Gianni era già del padre: «conosciuto da tutti con l'appellativo di “Vuston” – racconta lui - mi fa piacere che dopo tanti anni mi chiamino ancora con il suo nome». Era un agricoltore e allevatore, ma dal dopoguerra iniziò a girare a cavallo per vendere alimentari: andava a Metteglia, Castelcanafurone, Brugneto. «Siamo di Ozzola, ma abbiamo maggiormente lavorato nel comune di Ferriere. Andava a Bobbio a rifornirsi presso il magazzino “Mozzi”. Ai tempi con i clienti si faceva tanto scambio merci, funzionava ancora il baratto. Nel genovese volevano soprattutto uova e formaggio». Dopo il cavallo, il primo camion: il “mitico” 1100 Fiat, quello con il “naso”. «Iniziò a spostarsi più lontano, poi comprò il Fiat 615. Iniziai ad aiutarlo alla domenica, accompagnandolo a Castagnola e Cattaragna, in modo da far riposare mia madre che era sempre con lui. Spesso ci dava una mano anche uno zio».Gianni Rocca-2

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nel 1976 la famiglia apre un bar a Ozzola. Poi la scomparsa del padre nell’84 costringe Gianni a farsi carico dell’attività di “basùlon”. «Sono ripartito da zero: fu un trauma sia per me che per mio fratello Loredano, che gestisce il ristorante di Ozzola e un’azienda. Da lì sono partito con un servizio completo, che comprende anche vino e salumi. Però mi sono accorto della differenza: prima lavoravo e basta, senza pensare, perché la responsabilità era di mio padre. Da allora è diverso, “i problemi del mestiere” sono tutti per me». Gianni da quel momento allarga il giro: una decina di paesi tra Santo Stefano e Rezzoaglio, con puntate nei pressi di Fontanigorda e Genova a portare un po’ di damigiane. Copre quasi tutto il ferrierese. Dalla “Val Magra” alla “Valle del Sole” alla “Val Lardana”. Si spinge fino a Torrio, Boschi e Salsominore in Valdaveto. «Mi hanno telefonato poco fa da Propata per una commissione, è un comune vicino alla diga del Brugneto, nel genovese. Arrivano richieste da lontano soprattutto per i salumi».

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto all’incrocio: tre feriti, gravissima una ragazza

  • Fontana: «Il virus girava da mesi, Piacenza è la provincia con i numeri peggiori»

  • Carabinieri chiamati per una lite trovano il bar pieno di gente, multa e locale chiuso

  • Intossicato mentre lavora in una cisterna, operaio gravissimo

  • Un matrimonio in sospeso ma l'attività appena inaugurata riparte: Marco e Elisa, osti a Rompeggio

  • Al via anche a Piacenza l’indagine che mapperà il Covid, 700 le persone coinvolte

Torna su
IlPiacenza è in caricamento