In alta Valdarda torna il segnale cellulare, inaugurata la prima antenna finanziata dalla Regione

Il Piano regionale prevede l’apertura di altri 16 tralicci in Appennino: 5 nel piacentino. Bonaccini: "Eliminare le differenze e collegare i territori. Rete importante per scuola e lavoro soprattutto durante l'epidemia"

Un momento dell'inaugurazione (fotoservizio di Leonardo Trespidi)

L’Appennino si collega e viaggia in rete. Parte dal piacentino, e precisamente dalla frazione di Vezzolacca nel Comune di Vernasca, il progetto di copertura della telefonia cellulare in montagna, voluto dalla Regione per contrastare il divario digitale e offrire così migliori connessioni ai cittadini residenti e rafforzare l’attrattività produttiva e turistica dei Comuni montani. Il primo traliccio del piano regionale - che toccherà altre 16 località dell’Appennino in sette province dell’Emilia-Romagna - è stato attivato nel pomeriggio di oggi a Vezzolacca alla presenza del presidente della Regione, Stefano Bonaccini, dell’assessore regionale alla Montagna, Barbara Lori e del sindaco di Vernasca, Giuseppe Sidoli. Con loro, in rappresentanza di Tim, Paolo Ajolfi e Giulio Di Giacomo.

Stefano Bonaccini-55Questo primo impianto è finanziato dalla Regione con 70mila euro ed è realizzato da Lepida Scpa, società regionale per l’infrastrutturazione digitale, con la copertura voce e dati resa possibile grazie all’installazione di ripetitori da parte di Tim, e resta disponibile per gli altri tre operatori con autorizzazione nazionale. Permette di servire un bacino di quasi 400 residenti, con un incremento estivo di altri 150 abitanti. Oltre a diverse attività artigianali, commerciali e aziende agricole. “Vogliamo garantire pari diritti digitali a tutti i cittadini, senza lasciare indietro nessuno sia che abiti o lavori in montagna o nelle periferie o in zone poco popolate- afferma il presidente Bonaccini-. L’attivazione del traliccio a Vezzolacca è il primo passo di un percorso che toccherà altre 16 località del nostro Appennino, perché sappiamo bene quanto la possibilità di comunicare, poter utilizzare i cellulari e la rete sia oggi fondamentale per il lavoro, lo studio e per tanti aspetti della nostra vita quotidiana, dalla socialità all’informazione. Per non parlare del divario digitale da colmare sulla scuola, nonostante la buona capacità di attivare aule virtuali e lezioni a distanza dimostrata in Emilia-Romagna durante il lockdown: ma serve fare di più. Eliminare le differenze- prosegue il presidente della Regione- vuol dire infatti assicurare pari opportunità e dare omogeneità al territorio, un impegno che abbiamo finanziato con più di un milione di euro e abbiamo ribadito anche in assestamento di bilancio dove abbiamo stanziato altri 500mila euro per implementare la rete telefonica nelle aree ancora scoperte”. “L’impianto che inauguriamo oggi- aggiunge l’assessora Lori-, rappresenta il primo tassello di un investimento strategico per l’infrastrutturazione tecnologica dell’Appennino, che ha l’obiettivo di rispondere alle esigenze della cittadinanza e rafforzare l’attrattività di questi territori. Nelle prossime settimane si concluderanno i lavori per l’attivazione di altri 16 tralicci che consentiranno di potenziare la rete di telefonia mobile nelle ‘aree bianche’ di montagna che Uncem, in collaborazione con i Comuni, ha censito e sulle quali, grazie all’intervento di Lepida e la partnership con gli operatori telefonici, la Regione è intervenuta con priorità”.

Soddisfazione anche da parte dei rappresentanti di Tim che grazie alla partnership con Lepida hanno attivato sul nuovo impianto di Vezzolacca gli apparati in tecnologia UMTS e 4G, fornendo nuovi servizi voce e dati che garantiranno una migliore e più efficace copertura mobile nella zona: un esempio di fattiva collaborazione e coinvestimento tra pubblico e privato a beneficio di tutta la popolazione emiliana dell’area montana ed appenninica coinvolta.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

IL PROGETTO PER CONNETTERE L'APPENNINO - Il modello messo a punto con un impegno complessivo della DSC_0206 FOTO TRESPIDI LEONARDO-2Regione pari a 1 milione e 100mila di euro, prevede l’apertura di altri 16 tralicci in Appennino: 5 nel piacentino, oltre a Vernasca, Farini, Piozzano, Bettola e Morfasso. I Comuni coinvolti mettono a disposizione uno spazio in comodato gratuito alla Regione che, tramite Lepida, realizza la struttura porta antenne di proprietà pubblica. Per il progetto ‘Cellulari in montagna’ la Regione, tramite Lepida, ha inoltre istituito un tavolo di confronto con i 4 operatori mobili cellulari Tim, Vodafone, Iliad, WindTre che ha consentito di creare un percorso condiviso e mirato alla realizzazione di copertura di telefonia mobile in aree dove gli operatori non avevano definito, né previsto, uno specifico piano di copertura. La Regione ha quindi dato mandato esclusivo a Lepida per procedere alla progettazione di fattibilità tecnica ed economica, esecutiva, alla realizzazione, al collaudo e alla successiva gestione dei tralicci tenendo conto della natura pubblica dei siti. La mappa per visionare tralicci in via di realizzazione sul

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scandalo Levante, indagato il colonnello dell'Arma Corrado Scattaretico

  • Tenta un sorpasso a velocità folle poi si ribalta e tenta di scappare a piedi: denunciato

  • San Polo, camion di pomodori si ribalta e perde tutto il carico

  • Rissa al Tuxedo, parla il gruppo dei campani: «Noi offesi, minacciati e insultati»

  • Calvino e Don Minzoni: due fratelli positivi al Coronavirus, isolate 54 persone

  • Muore schiacciato sotto un trattore a Ferriere

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento