Tre convegni di Medicina hanno evidenziato i legami storici, professionali e affettivi tra Piacenza, Parma e Bologna

Sabato 25 maggio tre avvenimenti congressuali (nazionale, provinciale e regionale) di Medicina, ricchi di dati osservazionali, storici e scientifici

Piacenza non è stata da meno dell’ “Aurea Parma” o di “Bologna la dotta”, sabato 25 maggio. Se non altro per 3 avvenimenti congressuali (nazionale, provinciale e regionale) di Medicina, ricchi di dati osservazionali, storici e scientifici talora quantificabili. L’impegnativa giornata è iniziata entro il convegno di rilevanza nazionale Topics in Gastroenterologia ed Epatologia (VIII) di un giorno e mezzo alle 8,30 al Park Hotel, in seguito moderato da Patrizio Capelli ed Emanuele Michieletti, con la fondamentale relazione mattutina di Giovanni Barbara figlio di Luigi (con Giovanni Gasbarrini i due migliori allievi di Giuseppe Labò piacentino di Pianello caposcuola italiano di Clinica medica a Bologna nel secolo scorso).

Per i legami fra Piacenza e Bologna (e Milano, scuola di Colombo e Dioguardi) il giorno prima, il 24 nella tarda mattinata, aveva parlato di “Epatologia: news dalla letteratura 2019” il promettente giovane Gian Maria Prati (figlio della piacentina Barbara Sgorbati rinomata docente di Microbiologia all’ateneo felsineo).

Il secondo incontro provinciale è stato di aggiornamento professionale per i medici di Medicina generale piacentini, sulla discussa “Medicina di genere”. In particolare alle ore 11,15 Maria Giuseppina Canevisio ha affrontato con abbondanti dati analitici ed intelligenti interrogativi, il tema del cervello delle donne in confronto con quello degli uomini, per struttura e funzioni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il terzo convegno in ordine cronologico è iniziato alle 17 nell’Aula magna del Seminario vescovile con la relazione del celebre decano della Buiatria europea Giovanni Sali, con interessanti ricostruzioni storiche, ad esempio la millenaria adozione del rimedio “universale” Teriaca. E’ seguita la brillante relazione esperienziale ed etica da parte del medico chirurgo odontostomatologo ospedaliero Luigi Cella. Il convegno regionale, introdotto e concluso dal presidente Carlo Mistraletti Della Lucia, ha visto in fine i documentati interventi preordinati di Michele Argenti, di Rosanna Cesena e di Maurizio Massarini, che hanno dibattuto su temi classici e attuali. Il convegno – entro il 15° Periti Day 2019- in collegamento con Parma (dove dal 23-al 26 maggio si è celebrato il ricorrente appuntamento interdisciplinare del Festival sullo sviluppo Sostenibile, guidato dal piacentino Pier Luigi Viaroli) è stato video-registrato, ed è stato allietato anche dallo show musicale della promettente coppia Maristella Zarantonello-Francesco Degli Antoni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • «Due positivi in discoteca e mancanza delle norme anti Covid». Disposta la chiusura del Paradise

  • «Raccontai a Papaleo perché è onesto, Montella era intoccabile. In tanti mancano ancora all'appello»

  • Altoè, 55enne muore alla guida dell'auto

  • Muore schiacciato dal trattore mentre lavora nei campi

  • Coronavirus, quindici nuovi casi in un giorno a Piacenza e un decesso

  • Schianto in autostrada ad Arezzo, muore 24enne piacentino

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento