In una settimana duemila controlli anti Covid e 45 sanzioni a cittadini e attività

Punto della situazione in prefettura. Effettuati complessivamente 525 servizi con l’impiego di 536 pattuglie e 1024 uomini

Altra riunione nella giornata del 4 novembre del Comitato provinciale Ordine e Sicurezza Pubblica. Nell'incontro si è analizzato l’andamento dei controlli tesi alla riduzione del rischio della diffusione del Covid effettuati dalle forze di polizia statali e locali nella settimana dal 26 ottobre al 1 novembre. L'attività ha consentito di effettuare complessivamente 525 servizi con l’impiego di 536 pattuglie e 1024 uomini e, con riguardo al rispetto della normativa anti Covid, sono state controllate complessive 1730 persone e 344 attività o esercizi commerciali. Sono state altresì accertate 37 sanzioni a carico di cittadini e 8 a carico di esercizi commerciali per violazione norme.

Rispetto alla settimana dal 12 al 18 ottobre i servizi hanno fatto registrare un incremento dei servizi disposti, rispettivamente, del 43,83% e del 3% con riferimento alla settimana dal 19 al 25 ottobre. L’attività di controllo - si legge in una nota ufficiale della Prefettura - che non si è mai interrotta fin dallo scorso mese di marzo, ha interessato le aree del capoluogo individuate d’intesa con l’Amministrazione comunale e, segnatamente, le zone del centro cittadino (Pubblico passeggio, galleria del Coin, portici di Piazza Cavalli e Palazzo Gotico, i Giardini di Piazza Cittadella, via XX settembre e Corso Vittorio Emanuele) e la zona di via Roma per la verifica del rigoroso rispetto delle misure previste dalla normativa anti-covid da parte dei singoli cittadini e degli esercenti le attività commerciali ovvero le attività d’impresa, prioritariamente riducendo i rischi di assembramento e verificando il rispetto dei protocolli di sicurezza da parte degli operatori economici.

Il Comune di Piacenza ha sottolineato come l’attenzione all’attività di controllo e rispetto delle misure anti-covid, nell’ambito di quanto deciso nelle precedenti riunioni del Comitato provinciale Ordine e Sicurezza Pubblica, abbia portato a disporre 149 servizi con l’utilizzo di 160 pattuglie effettuando 272 controlli di cui 220 nell’ambito della verifica del rispetto della normativa per la riduzione del rischio sanitario in atto. I dispositivi adottati restano improntati alla massima flessibilità e sono stati definiti anche con pattuglie a piedi nell’ambito del piano di controllo coordinato del territorio: resta comunque l’impiego del Reparto prevenzione crimine della polizia di Stato 3 o 4 volte a settimana a supporto delle forze dell’ordine e l’utilizzo di ulteriori 4 pattuglie dedicate che nei giorni di venerdì e sabato sera monitoreranno gli assembramenti (3 pattuglie del Radiomobile dei Carabinieri per la provincia mentre su Piacenza città ci saranno le volanti della Polizia di Stato) nonché controlli preventivi nei centri commerciali e alla stazione ferroviaria di Piacenza. Dal 10 marzo complessivamente, a livello provinciale, sono state sottoposte a controlli 96.142 persone e 4652 attività ed esercizi commerciali. Anche in considerazione della delicatezza dell’attuale contesto, nonché delle nuove misure restrittive dettate dal Dpcm, per i prossimi giorni è stata convocato un tavolo di monitoraggio con le istituzioni competenti, le associazioni di categoria e gli istituti di credito per un aggiornamento sulla situazione provinciale, anche con riguardo all’accesso al credito e a particolari criticità relative all’erogazione di eventuali finanziamenti

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • San Nicolò, schianto all'incrocio tra un'ambulanza e un'auto: quattro feriti

  • Piacenza e l'Emilia-Romagna in zona arancione: quello che c'è da sapere

  • Animale sulla strada, si ribalta tra il guard rail e il muro di una casa

  • Con la caldaia rotta accendono il gas per scaldarsi, famiglia intossicata

  • In auto centra tre vetture in sosta e si ribalta. Illeso

  • «Noi facciamo sesso, licenziateci tutte». Il Centro Tice prende posizione sul caso della maestra di Torino

Torna su
IlPiacenza è in caricamento