Mercoledì, 17 Luglio 2024
Fiorenzuola / Fiorenzuola d'Arda / Via Teofilo Rossi

Inaugurato il nuovo centro diurno di Salute mentale: «In paese più socializzazione»

Il servizio del distretto di Levante si è spostato dalla Barabasca a via Teofilo Rossi, in centro storico a Fiorenzuola. Accoglie circa trenta utenti, seguiti nello sviluppo e nella valorizzazione delle abilità personali e sociali

Il Centro diurno Levante del dipartimento Salute mentale si è spostato dalla precedente collocazione in località Barabasca a una nuova sede nel centro di Fiorenzuola, in via Teofilo Rossi 17. «Il trasferimento - è stato spiegato - consente di avere a disposizione spazi più facilmente accessibili agli assistiti e ai loro familiari, in un contesto urbano, anche per favorire i processi di socializzazione». E' stato inaugurato alla presenza degli utenti, degli operatori sanitari e delle autorità, tra cui il sindaco di Fiorenzuola Romeo Gandolfi, il direttore del distretto di Levante Costanza Ceda e il direttore del dipartimento di Salute mentale e dipendenze patologiche Silvia Chiesa. Il responsabile della struttura è Silvio Anelli, la coordinatrice è Silvia Santacroce.

Il Centro diurno, collocato nell’edificio Fondazione Verani-Lucca, è aperto da lunedì a venerdì dalle 8 alle 16 ed è frequentato attualmente da una 30ina di utenti. Grazie alla nuova posizione in città, si prevede di incrementarne la fruibilità. Obiettivo dell’attività è quello di sviluppare e valorizzare le abilità personali e sociali dell’utente, in stretto raccordo con i percorsi terapeutico riabilitativi elaborati con i professionisti del Centro di Salute mentale. Il Centro diurno promuove il cambiamento, inteso non solo come superamento di una condizione psicopatologica, ma anche come crescita della persona verso modalità di funzionamento relazionale e comportamentale più adeguate al suo ambiente di vita aumentando la capacità della persona di avere un ruolo sociale riconosciuto all’interno della propria comunità.

Le attività  si articolano essenzialmente su due livelli, tra loro strettamente interconnessi. Un primo ambito attiene a tutto ciò che riguarda la vita quotidiana nei suoi risvolti personali, familiari e sociali. Si cerca di favorire il recupero dell’autonomia personale nell’ambito della cura e dell’igiene personale, dell’abbigliamento e dello spazio di vita, nonché la cura della propria salute psichica e fisica e si esercitano quelle abilità sociali che possono facilitare i pazienti a frequentare ambienti esterni al contesto familiare. Si punta anche sull’acquisizione di manualità e creatività proponendo attività di bricolage, scenografie teatrali, falegnameria e giardinaggio. Un secondo livello ha come obiettivo, attraverso l’ utilizzo di competenze specialistiche,  il raggiungimento di una migliore consapevolezza e gestione degli stati mentali e, di un maggiore equilibrio emotivo, cognitivo, psico-fisico e relazionale. Le attività si svolgono sia in gruppo sia individualmente. Per ogni persona, in accordo con gli operatori referenti del Centro di Salute mentale, viene elaborato un programma individuale personalizzato e condiviso con l’utente e i suoi familiari. L’equipe multidisciplinare che opera all’interno del Centro diurno è composta da uno psichiatra, uno psicologo, una coordinatrice infermieristica, un educatore professionale, un tecnico della riabilitazione psichiatrica e un infermiere.

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Inaugurato il nuovo centro diurno di Salute mentale: «In paese più socializzazione»
IlPiacenza è in caricamento