rotate-mobile
Sabato, 13 Agosto 2022
Ospite anche Gianni Amelio / Bobbio

“Io e Spotty” con dibattito frizzante, questa sera “Piccolo Corpo” di Laura Samani

Il Bobbio Film Festival prosegue con la proiezione della folgorante pellicola della regista triestina, vincitrice del David di Donatello come miglior regista esordiente

Ieri sera al Chiostro di San Colombano tanti i presenti a vedere "Io e Spotty", e soprattutto per partecipare all’incontro post proiezione con il regista Cosimo Gomez, il produttore Pier Giorgio Bellocchio e il protagonista maschile Filippo Scotti. Questa sera, venerdì 5 agosto, Il Bobbio Film Festival prosegue con la proiezione di "Piccolo corpo", folgorante esordio della regista triestina Laura Samani, un diploma in regia al Centro sperimentale di Cinematografia di Roma, alcuni cortometraggi all’attivo tra cui La santa che dorme del 2016, premiato a livello internazionale, e vincitrice del David di Donatello come miglior regista esordiente nel 2022 proprio per Piccolo corpo.

Presentato in concorso alla 60. Semaine de la Critique del Festival di Cannes, dove è stato definito «di una bellezza mozzafiato», "Piccolo corpo" è ambientato agli inizi del Novecento, in una cornice di sostentamento e di amara vita di pescatori, in cui Agata partorisce una creatura senza vita. Sebbene circondata da un ambiente femminile che si sforza di portarle conforto per la perdita, non si rassegna. Venuta a sapere che in un remoto santuario sulle montagne la sua sventurata bambina potrà vivere anche solo per un attimo ed essere quindi battezzata con un nome, disseppellisce il “piccolo corpo” che la società del tempo avrebbe confinato nel Limbo e si avventura per un viaggio molto duro e pericoloso, in cui viene affiancata da una ragazza fuggita di casa che si fa chiamare Lince. «Un cinema potente che vibra e rivela un sentimento che ci appartiene» (Il Manifesto).

Al termine del film Laura Samani si intratterrà con il pubblico nell’atteso momento dell’incontro-confronto serale dopo proiezione, moderato ogni sera dal critico cinematografico Enrico Magrelli, accompagnata da un ospite d’eccezione, Gianni Amelio, suo maestro al CSC di Roma e caro amico del Bobbio Film Festival. A fine serata agli artisti ospiti sarà donata una litografia originale realizzata a tiratura limitata a partire da un disegno di Marco Bellocchio sul film “Esterno notte”. Sabato 6 agosto è in programma la proiezione dei primi due episodi di Esterno Notte di Marco Bellocchio. Ad accompagnarlo sul palco, Pier Giorgio Bellocchio, Francesca Calvelli, Simone Gattoni.

Il Bobbio Film Festival, diretto da un comitato costituito dal suo fondatore Marco Bellocchio, originario del borgo emiliano, da Pier Giorgio Bellocchio e Paola Pedrazzini, si radica nell’ormai storica progettualità artistica della Fondazione Fare Cinema, in sinergia con il Comune di Bobbio (che conferirà la cittadinanza onoraria a Marco Bellocchio nel corso del Festival) con il sostegno di Ministero dei Beni Culturali, Regione Emilia-Romagna e soprattutto di Fondazione di Piacenza e Vigevano, la realtà con cui Fondazione Fare Cinema ha stretto un’importante sinergia con la neonata Bottega XNL nel cuore di Piacenza.

INFO E BIGLIETTI - Biglietto singolo: € 8 posto numerato. I biglietti sono acquistabili allo IAT di Bobbio (piazza S. Francesco) tutti i giorni dalle 9.30 alle 12.30 e dalle 15.30 alle 18.30, nelle sere di Festival a Bobbio all’ingresso del chiostro di San Colombano (in piazza Santa Fara) dalle 19.30 alle 21.30 oppure online su www.fondazionefarecinema.it nella sezione del sito Bobbio Film Festival. In caso di maltempo sulle pagine Facebook e Instagram di Fondazione Fare Cinema saranno indicati gli aggiornamenti sull’agibilità degli spettacoli. Per informazioni telefonare al 333 5810876 dalle 10.00 alle 14.00 e dalle 16.00 alle 19.00 oppure scrivere a biglietteria@fondazionefarecinema.it

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Io e Spotty” con dibattito frizzante, questa sera “Piccolo Corpo” di Laura Samani

IlPiacenza è in caricamento