rotate-mobile
Attualità

I “progetti del cuore”: un furgone per Aism Piacenza

Sarà disponibile un mezzo attrezzato per i cittadini di Piacenza: “E’ uno strumento eccezionale per aiutare i ragazzi e le famiglie in difficoltà”

Ripartono a Piacenza “I Progetti del Cuore”, per garantire il servizio di trasporto sociale gratuito ai ragazzi in difficoltà e alle famiglie del nostro comune. Il progetto prevede la consegna di un Fiat Doblò, completamente attrezzato per favorire lo spostamento di bambini, di anziani e di persone diversamente abili del territorio che vivono in stato di necessità. A beneficiare dell’automezzo è il centro Aism Piacenza, che continuerà ad averlo a disposizione. Prosegue infatti con continuità il servizio di mobilità gratuita, che sarà attivo per i prossimi anni, durante i quali il mezzo sarà garantito in maniera integrale: dall’allestimento, alla gestione delle spese (come, ad esempio, l’assicurazione compresa di copertura casco). Il progetto è stato presentato giovedì 16 dicembre presso la sede di Aism Piacenza, in via Campagna 153. “Per noi questo mezzo è estremamente importante - spiega il Presidente Daniela Reggiori -. Offriamo infatti assistenza ai malati di sclerosi multipla, agli anziani, ai ragazzi, aiutandoli soprattutto negli spostamenti. I pazienti che abbiamo sono tutti o quasi in carrozzina e per noi questo mezzo di trasporto è fondamentale. Ci permette infatti di essere più efficienti e soprattutto di andare incontro in maniera più adeguata alle esigenze dei nostri ospiti. Offriamo un servizio di tipo socio-assistenziale che copre tutto il territorio di Piacenza e tocca gran parte dei territori della provincia, arrivando alle volte anche fuori regione, come ad esempio a Milano, per accompagnarli a sostenere visite mediche e per fare fisioterapia o per consegnare medicinali a domicilio. Sono davvero tante le uscite che facciamo, alle volte anche 150 a settimana, dipende dai momenti, per questo siamo contenti di poter utilizzare ancora questo mezzo, per noi di estrema importanza”. A sostenere il progetto anche Annalisa Minetti, che presenta l’iniziativa nell’ambito de “I Progetti del Cuore”: “La mia esperienza personale mi ha resa particolarmente sensibile a tutte le iniziative con cui si cerca di migliorare la vita dei cittadini diversamente abili, al punto di avermi guidato verso “I Progetti del Cuore” come quello che si sta portando avanti a Piacenza: la vocazione di questa iniziativa è quella di contribuire a risolvere il problema, sempre più stringente per l’Amministrazione pubblica e per le associazioni di volontariato, della destinazione di fondi per l’acquisto di mezzi da trasformare e adibire al trasporto dei cittadini con disabilità o ridotta capacità motoria”. Sarà proprio grazie alla partecipazione delle attività locali che potrà essere garantita l’esistenza di questo un servizio, che corrisponde ad una necessità imprescindibile sul territorio. Le aziende potranno trasferire sul proprio marchio il valore aggiunto di questo nobile servizio, ricevendo in cambio un sicuro riconoscimento da parte della comunità. Proprio in questi giorni la società incaricata “Progetti del Cuore Società Benefit srl” si occuperà di informare i titolari della attività economiche sulle caratteristiche dell’iniziativa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I “progetti del cuore”: un furgone per Aism Piacenza

IlPiacenza è in caricamento