menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La conversione di San Paolo, pietra d’inciampo del Cristianesimo

Le celebrazioni per la Festa Patronale della parrocchia di San Paolo

La situazione sanitaria quest’anno ha consentito solo un’edizione ridotta della tradizionale festa nella parrocchia cittadina di San Paolo.  Il Parroco mons. Bruno  Perazzoli ha però scelto di svolgere la sua abituale lezione sulla catechesi che in questa edizione ha trattato il tema “Paolo. Il cristianesimo incandescente!”. Siamo nella nostra Chiesa parrocchiale - ha detto Pietro Scottini in apertura di incontro - e dietro al presbiterio possiamo osservare il grande affresco del 1685 compiuto dai fratelli Pietro e Bartolomeo Baderna raffigurante l’agguato che il Dio di Gesù Cristo tende a Saulo di Tarso. Gli esperti ci fanno notare una cosa singolare: al centro della scena non c’è Paolo ma c’è il cavallo bianco, solo in basso a sinistra in posizione marginale c’è l’Apostolo. Alcuni storici definiscono Paolo il 13° apostolo. Questi però nella prima lettera ai Corinzi (10,10) si definisce” l’infimo degli Apostoli” e “non sono degno neppure di essere chiamato apostolo”.  

Mons. Perazzoli ha quindi svolto la sua partecipata e colloquiale conversazione, una Lectio Magistralis, particolarmente ricca di riferimenti a studiosi della figura di San Paolo, credenti e atei, indicando la Conversione di San Paolo come “Pietra d’inciampo” del Cristianesimo, termine etimologico della parola greca che significa ”Scandalo”, un’assunzione esclusiva del Cristo come termine di ogni verità e di ogni giudizio. Il nucleo di forza di Paolo, ha scritto il poeta Mario Luzi, sta nell’assunzione totale ed esclusiva del Cristo Gesù come termine di ogni verità e di ogni giudizio. Anche nel Cristianesimo “l’Apostolo per eccellenza” non ha mancato di dividere. La stessa definizione di “secondo fondatore del Cristianesimo” coniata nel 1904 da Wilhelm Wreda, nel suo Paulus è ambigua: può indicare un’opera benefica di rigenerazione e rispetto al primo fondatore Gesù, ma pure indicare un intervento devastante di rigenerazione. In questo secondo senso si muoverà Nietzsche, che bollerà Paolo come “disangelista”, cioè annunziatore di cattiva novella mentre Gramsci sbrigativamente lo classificherà come il “Lenin del Cristianesimo”. Non sono però mancati ritratti aureolati dell’Apostolo, come Giovanni Crisostomo, patriarca di Costantinopoli: Il mondo non vedrà mai più un altro Paolo. Lui è il primo dopo l’Unico (Gesù).

Mons. Perazzoli ha poi ricordato altri importanti storici e studiosi riferendone le analisi positive e detrattive di figure emblematiche come Lutero, per poi arrivare all’abbozzo di sceneggiatura per un film su San Paolo, che Pier Paolo Pasolini aveva elaborato nel 1968, pubblicato postumo nel 1977. L’idea era di trasportare la vicenda dell’Apostolo ai giorni nostri, sostituendo le antiche capitali di potere e della cultura Gerusalemme, Atene e Roma, con New York, Londra, Parigi e Roma. “Paolo è qui tra noi” scriveva Pasolini nelle lettere luterane “egli demolisce rivoluzionariamente, con la semplice forza del messaggio religioso, un tipo di società fondata sulla violenza di classe, l’imperialismo, lo schiavismo...”

IL PROGRAMMA DELLE CELEBRAZIONI

- Sabato 23 gennaio 2021, ore 18.30 Santa Messa vigiliare presieduta da p. Alessandro Gazzola, Superiore dei PP. Scalabriniani,

- Domenica 24 gennaio 2021 - festa patronale ore 8 Santa Messa presieduta da p. Pedro Adelio Superiore dei PP. “Figli di Sant'Anna”, ore 11 Santa Messa concelebrata presieduta da Mons. Adriano Cevolotto, Vescovo di Piacenza-Bobbio,

ore 18.30 Santa Messa presieduta, dal Parroco Mons. Bruno Perazzoli.

- Lunedì  25 gennaio 2021 Festa della Conversione di San Paolo ore 18.30 Santa Messa presieduta da Mons. Gianni Ambrosio Vescovo Emerito di Piacenza-Bobbio.

Le SS. Messe del 24/01/2021 (0re 11) e del 25/01/2021 (ore 18.30) verranno trasmesse sul canale youtube: PARROCCHIA SAN PAOLO…

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Addio a don Giancarlo Conte, fondatore di San Giuseppe operaio

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento