menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Per Luigi Troglio

Per Luigi Troglio

La cultura bobbiese e piacentina perdono un protagonista, addio a Pier Luigi Troglio

Anche la nostra testata perde un appassionato collaboratore. E' morto all’età di 77 anni Pier Luigi Troglio, personaggio molto noto anche in tutta la nostra provincia che, dalla gioventù sino a pochi giorni fa, ha sempre testimoniato il suo amore per Bobbio con notizie e riflessioni su ambiente, fatti, persone dell’alta Valtrebbia

La cultura bobbiese perde un suo protagonista, la nostra testata, un suo appassionato collaboratore. Sabato 10 novembre, poco dopo le 17 è morto all’età di 77 anni Pier Luigi Troglio, personaggio molto noto anche in tutta la nostra provincia che, dalla gioventù sino a pochi giorni fa, ha sempre testimoniato il suo amore per Bobbio con notizie e riflessioni su ambiente, fatti, persone dell’alta Val Trebbia.

Nato a Bobbio il 12 giugno 1941 aveva frequentato gli studi superiori presso l’istituto Magistrale San Colombano di Bobbio e l’Istituto di magistero “Adelchi Baratono” di Genova. Ammalato di poliomielite da quando aveva 13 anni, andava orgoglioso della sua scelta di lottare e superare la malattia. In questa sua vittoria testimoniava essere stati decisivi gli insegnamenti della dottrina cristiana e cattolica avuti da monsignor Pietro Zuccarino, vescovo di Bobbio. 

Era stato dipendente per trent’anni al Comune di Bobbio, affiancando il lavoro all’attività di collaboratore del quotidiano Libertà e del settimanale La Trebbia; da alcuni anni si era convertito al nostro on line. E’ stato anche attore interpretando il ruolo di Leone nel celebre film di Marco Bellocchio “I pugni in tasca” del 1965. Per dodici anni è stato anche segretario della Democrazia Cristiana a Bobbio. Sposato con la signora Hildegard, sono stati tanti e concreti i gesti di generosità: una borsa di studio alla memoria della sorella Stefania, preside di scuola media, “mitica e tosta” dirigente che ha sempre difeso la scuola in montagna a scapito della sua carriera e alla quale, l’amministrazione comunale di Roberto Pasquali riconoscendone i meriti, le ha intestato una piazza. E ancora donazioni alle scuole e all’ospedale e anche un defibrillatore installato al Passo Penice. Il 2 giugno 1984 era stato nominato Cavaliere della Repubblica.

Acuto commentatore dei fatti socio-politici, ha scritto centinaia di articoli nei quali esponeva il suo motivato punto di vista, raccogliendo periodicamente i suoi scritti in volumi antologici ispirati dalla “Libertà di pensare, di parlare, di scrivere”, frase che ha anche dato il titolo a uno dei suoi volumi, sempre ben strutturati e impaginati nei quali riprendeva corrispondenze, riflessioni e opinioni da lui pubblicate nell’arco temporale dei dieci anni precedenti, permettendo riflessioni e raffronti. E, in effetti, come un’antologia di ricordi nelle pagine dei suoi libri si susseguono date, luoghi, esperienze, percorsi di vita di bobbiesi noti e meno noti, dalle idee concomitanti e altre volte divergenti; sempre raccontati con linguaggio facile e diretto, senza lanciare frecciate a destra o a manca, ma con il comune denominatore di fornire spunti per ricordi e riflessioni possibilmente positivi. Aveva scritto in una prefazione il direttore di Libertà Gaetano Rizzuto che Troglio “ha la curiosità di un bambino e la determinazione di un reporter: vigila, scruta, segnala, denuncia, pronto a valorizzare le cose positive, ma anche a denunciare le ingiustizie, i ritardi, i soprusi”.  

Più volte ha cercato di stimolare nei tempi e nei modi, l’attenzione alla Statale 45, verso l’Ospedale, le terme e altri problemi che non arrivavano in porto, cercando di dipanare le “incomprensibili schermaglie fra amministratori, o le continue richieste di varianti che per anni hanno impedito la realizzazione di opere come nel caso del collegamento del tratto viario Perino- Cernusca; microstorie locali che riunite disegnano un affresco della comunità bobbiese, ripercorrendone  anni di storie individuali e collettive dense di episodi che intrecciano la tela della collettività.

I funerali avranno luogo in Bobbio martedì 13 novembre alle ore 10.

DSC_0662-2-2-2

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

"Paga per sbloccare il pacco": attenzione alla nuova truffa via sms

Attualità

Inps: «Nuovo tentativo di truffa tramite e-mail»

social

Bonus vacanze 2021: come funziona?

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento