La lunga coda della pandemia: dal 10 giugno solo sette comuni hanno registrato nuovi contagi

Il report periodico con l’evoluzione dell’epidemia

Nella nostra provincia l’epidemia è in piena fase discendente ma il virus rimane in circolazione, infatti, da inizio mese oltre due persone giorno si sono ammalate. I ricoverati nelle varie strutture ospedaliere sono meno di 90 ed è stato raggiunto l’importante traguardo dell’azzeramento delle Terapie Intensive in Ospedale mentre rimangono alcuni pazienti presso altre strutture Ausl. I guariti sono oltre il 78% dei 4535 casi complessivi accertati dei quali 273 relativi a pazienti residenti fuori provincia.

2-12-4

3-9-5

4-36-30

Dal 10 giugno (data di riferimento del nostro precedente report su scala provinciale) al giorno 18 giugno, solo sette comuni hanno registrato nuovi contagi: dieci casi a Piacenza, sei a Fiorenzuola, uno rispettivamente a Castelsangiovanni, Alseno, Carpaneto, Lugagnano, Pontenure. Si confermano territori ancora vergini, dove il virus, almeno ufficialmente, non è ancora risultato da alcun tampone faringeo, le comunità di Ottone e Zerba con zero contagi.

Dal punto di vista virologico – concorda la maggior parte degli esperti - il virus non è cambiato, ma oggi i malati sono trattati prima e meglio, e probabilmente i soggetti più suscettibili sono quelli che sono stati già colpiti da malattie.

Il numero da tenere d’occhio è quello delle nuove infezioni: il virus, per considerarlo una coda, dovremmo vederlo calare in continuazione e avere informazioni che non abbiamo o che non vengono diffuse; infatti l’informativa pubblicata ogni giorno dalla Protezione Civile, non è esauriente perché non distingue i nuovi casi da quelli riscontrati tardivamente. Perché sia importante distinguere lo spiega il dottor Paolo Spada (Humanitas-Mi): “dopo due settimane dall’esordio dei sintomi, l’infezione da SARS-COV-2 si spegne, e nonostante rimangano a lungo tracce di RNA virale inattivo rilevabili al tampone, il virus non è più isolabile, non si replica, e il soggetto non è più contagioso. Viceversa, la contagiosità è presente a partire da 48 ore prima della comparsa di sintomi, sino a circa 7 giorni, per poi appunto ridursi e scomparire a 14 giorni. Questo vale anche per quelli che non avvertono sintomi, i cosiddetti asintomatici, con il problema aggiuntivo che essi sfuggono facilmente alla diagnosi e all’isolamento”. E’ quindi fondamentale intercettare, diagnosticare e isolare l’infetto, e tutti i suoi contatti recenti, nel minimo tempo possibile

PANORAMICA SULLA PANDEMIA A PIACENZA

Quella che diventerà una pandemia fa ufficialmente la sua comparsa a Piacenza il giorno 28 febbraio quando si ha notizia di 36 ricoveri per coronavirus; il giorno successivo il numero sale a 55 e al primo marzo a 69. Alla fine di questo mese il “picco” di 717 ricoveri dei quali 152 in terapia intensiva.

Impressionante la progressione dei decessi: 36 al primo marzo, 623 a fine mese; 839 a fine aprile, 977 a fine maggio; oggi è a quota 981, numero che è in linea con la serie dei nostri precedenti articoli, ed è coerente con il progressivo indicato in un report ASL del quale siamo a conoscenza per vie traverse.

Altre testate piacentine indicano di volta in volta, da tempo, numeri inferiori. La discrepanza è la conseguenza della scelta della competente funzione ASL di non accogliere il ripetuto invito a divulgare periodicamente la progressione-giorno delle vittime costringendo le redazioni al “fai da te”.

5-29-17

6-6-13

Per disporre comunque il dato ufficiale abbiamo inviato una richiesta all’Ufficio Relazioni con il Pubblico ASL dove è stata protocollata il 23 maggio. Trascorsi dieci giorni abbiamo trasmesso un sollecito ottenendo: “Le confermo che la risposta alla Sua istanza potrà esserLe inviata entro il termine massimo di 30 giorni, come da normativa di legge”.  Di giorni ne sono trascorsi 28 e del dato che l’ASL ha disponibile ogni giorno nessuna traccia ..!

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Siamo comunque in grado, grazie alla pronta collaborazione di altre ASL , di evidenziare come Piacenza, oltre ad essere la provincia emiliana più infettate lo sia anche nel confronto con la Lombardia che a sua volta è tuttora la Regione più colpita dal Virus.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Annega nel Po per salvare il suo cane finito in acqua

  • Identificato l'operaio ucciso dal crollo di un silos. Forse il cedimento di un sostegno la causa della tragedia

  • Crolla un silos, 50enne muore schiacciato

  • Quattro feriti nello scontro sulla via Emilia

  • Rischia di annegare nella piscina di casa, salvata

  • Bonus covid ai parlamentari, la piacentina Murelli accusata dai giornali replica «No comment»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento