rotate-mobile
Attualità Pontenure

La mozione per l'Ucraina del Comune di Pontenure

Cooperazione, promozione della diplomazia e della pace nonché l’aiuto al popolo ucraino sono i punti fondamentali della mozione. I promotori della mozione sono soddisfatti dell’obiettivo raggiunto

Nella seduta consigliare tenutasi il 22 marzo, non in presenza ma in via telematica, il consiglio comunale di Pontenure ha votato all’unanimità la mozione presentata dai consiglieri Matteo Bergamaschi, Cinzia Bernardi, Cassandra Bonzanini e Marco Caminati. Questa mozione impegna l’esecutivo, il sindaco nonché tutti i consiglieri a collaborare attivamente - con tutte le istituzioni, il Governo e l’Unione Europea – con lo scopo di attivare tutti i canali della diplomazia internazionale affinché si arrivi a una cessazione immediata delle ostilità che attualmente si stanno manifestando sul territorio ucraino. Cooperazione, promozione della diplomazia e della pace nonché l’aiuto al popolo ucraino sono i punti fondamentali della mozione. I promotori della mozione sono soddisfatti dell’obiettivo raggiunto.

La mozione

Il Consiglio Comunale di Pontenure - prendendo atto che la Russia, con l’invasione in Ucarina, ha infranto il diritto internazionale, creando distruzione e morte nelle popolazioni dei territori invasi, e ricordando che l’Art.11 della Costituzione d’Italia “ripudia la guerra come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali” – condanna fermamente l’invasione e l’aggressione militare dell’Ucraina da parte della Federazione Russa, giudicandola come chiara e grave violazione del diritto internazionale e della sovranità dello Stato Ucraino, che ha di fatto cancellato ogni tentativo d’intesa negoziale, minando la pace e la stabilità dell’Europa. Si esprime forte preoccupazione per le sorti della popolazione civile ucraina, soprattutto i soggetti più vulnerabili (donne, anziani, malati e bambini), che nelle guerre sono coloro che pagano il prezzo più alto in termini di sofferenze, privazioni, morte e distruzione. Il Consiglio Comunale di Pontenure esprime piena solidarietà e la propria vicinanza alla popolazione ucraina e ai tanti cittadini ucraini che abitano e lavorano in Italia. 

Il sindaco Manola Gruppi e tutta la Giunta s’impegnano a sollecitare il Governo Italiano affinché esso s’impegni a compiere tutte le azioni possibili – in coordinamento con gli altri Paesi della UE e attivando tutti i canali diplomatici internazionali  - perché si arrivi quanto prima ad una cessazione immediata delle ostilità e al ritiro delle forze armate russe dal suolo ucraino, nonché ad adoperarsi successivamente per una de-escalation della crisi nel pieno rispetto del diritto internazionale, affidando all’ONU il compito di gestire e risolvere i conflitti tra gli Stati avvalendosi della diplomazia, del dialogo e della cooperazione internazionale. L’impegno è profuso anche a sollecitare il Governo Italiano, in sinergia con le altre realtà comunitarie e internazionali, ad adottare sanzioni economiche che siano indirizzate a danno delle oligarchie e degli interessi forti dell’economia russa, minimizzando le ripercussioni sia sul popolo ucraino che dei cittadini europei, con lo scopo di costringere il presidente Putin a rinunziare a proseguire questa deplorevole azione militare. L’impegno è di sollecitare la UE affinché essa assolva in modo più incisivo nel compito di promuovere azioni tese a promuovere la pace, la cooperazione e la difesa dei diritti umani, senza prevaricazioni di tipo nazionalistiche che potrebbero sfociare in tensioni e favorire conflitti. Il primo cittadino di Pontenure e la Giunta invitano il Governo Italiano ad attivare ogni sforzo e tutti i canali diplomatici che possano porre fine al conflitto in corso. Piena collaborazione con l’organo prefettizio di Piacenza e con tutti gli organismi di coordinamento del Terzo Settore che sono impegnati sul fronte dell’accoglienza e dell’integrazione per predisporre un piano operativo che sia in grado di portare soccorsi e aiuti alla popolazione in fuga dalla guerra.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La mozione per l'Ucraina del Comune di Pontenure

IlPiacenza è in caricamento