Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«La partenza del Giro è una festa», attesa la carovana rosa da 1.500 persone

L’11 maggio la città ospiterà la partenza della tappa del Giro d’Italia “Piacenza-Sestola”. Il sindaco Barbieri: «Evento importante dopo un anno difficile». Tutte le informazioni sulla corsa rosa e le modifiche alla viabilità

«Per Piacenza è un’occasione di festa ospitare la partenza di una tappa del Giro d’Italia, un evento importante dopo un anno difficile». Così Patrizia Barbieri, sindaco di Piacenza e presidente della Provincia, saluta con entusiasmo la tappa dell’11 maggio, che partirà da piazza Cavalli per terminare nel modenese, a Sestola.  

Il Giro partirà dal “salotto cittadino” alle 12.05 di martedì 11 maggio, per poi toccare via Cavour, via Risorgimento, viale Sant’Ambrogio, via La Primogenita, piazzale Roma, via Colombo e raggiungere la via Emilia Parmense. Uscendo dalla città, il Giro attraverserà tutta la via Emilia, per arrivare a Fiorenzuola. Sarà la quarta tappa dell'edizione 2021 del Giro, da 186 Km: i ciclisti dovranno affrontare un dislivello di 1.800 metri (difficoltà 3) per raggiungere il primo arrivo in salita, momento delicato per gli atleti in gara. Sarà una corsa molto emiliana e romagnola. Il giorno dopo, mercoledì 12 maggio, si prosegue con la Modena-Cattolica, dove protagonisti diventeranno i velocisti che sfileranno a Bologna, Imola, Faenza, Forlì, Cesena, Rimini e Riccione.E ancora, giovedì 20 maggio, si torna in Emilia-Romagna con la Siena-Bagno di Romagna nel ricordo dell’indimenticato Alfredo Martini, nei 100 anni della nascita, e con la prestigiosa ‘Tappa Bartali’, omaggio a un altro mito della storia del ciclismo italiano e mondiale. Infine, venerdì 21 maggio, la Ravenna-Verona, con partenza dalla città dei mosaici, quest’anno al centro delle manifestazioni per i 700 anni dalla morte di Dante Alighieri, e poi via verso il ferrarese e la città Estense per poi lasciare l’Emilia-Romagna verso il Veneto.

1-36

2-33

«Le associazioni  - ha spiegato nella conferenza stampa di presentazione della tappa il sindaco - non hanno mai spesso di impegnarsi per la ripartenza. Il Giro racconta tante cose, è una straordinaria esperienza sportiva che mostra il territorio durante il passaggio della carovana. Grazie alla Regione e a Rcs per averci preso in considerazione per la partenza del Giro. Ringrazio anche gli assessori per l’impegno organizzativo».

La carovana del Giro è mastodontica. Si parla del pernottamento negli alberghi piacentini di 1500 persone a seguito del Giro tra corridori, staff delle squadre, sponsor, giornalisti, organizzazione.

«La partenza da Piacenza è il simbolo della ripartenza – ha aggiunto il presidente del Coni provinciale Robert Gionelli - dell’uscita dal tunnel. Veniamo da un anno in cui si è fatto poco sport, questo è un ritorno allo sport e una sua promozione. Il Giro è la seconda corsa di ciclismo al mondo dopo il Tour de France. Inoltre passa a Piacenza nel 160esimo anniversario dall’Unità d’Italia, infatti il Giro partirà dalla prima capitale, Torino. Racconteremo durante la tappa anche il ruolo di Primogenita d’Italia, aspetto troppo poco conosciuto». «Il ciclismo sta soffrendo come tutti gli sport a livello giovanile e amatoriale – ha aggiunto Barbara Barbieri della Federciclismo piacentina -. Avere una vetrina come il Giro è uno sprone per i giovani. Dispiace ovviamente non poter fare attività collaterali con i bambini, che ammirano ed emulano i campioni». Alfio Rabeschi (Protezione Civile) ha fatto sapere che la macchina organizzativa dei volontari è pronta già con oltre cento volontari.

L’assessore Cavalli: «Ci sarà la massima comprensione da parte dei piacentini, è una festa dello sport e della città»

FotoDELPAPA (9)-15

TAPPA PIACENZA – SESTOLA DEL GIRO D'ITALIA, LE MODIFICHE ALLA VIABILITÀ

Per consentire lo svolgimento in sicurezza della tappa Piacenza – Sestola del Giro d'Italia, si renderanno necessarie le seguenti limitazioni al traffico sul territorio urbano.

Dalle ore 10 di domenica 9 maggio alle 18 di martedì 11, divieto di sosta con rimozione forzata su entrambi i lati della carreggiata nel tratto di via Scalabrini tra piazza S. Antonino e via Pace. Contestualmente, sarà in vigore il divieto di sosta con rimozione forzata e il divieto di circolazione in piazza Cavalli, piazza Mercanti, piazzetta Grida, via Pace, piazza Duomo, chiostri e chiostrini del Duomo, nell'area del parcheggio Cheope in via IV Novembre e nel lato Sud del parcheggio di viale Malta. In tutte le vie afferenti alle strade e piazze sopraccitate, potranno circolare unicamente i residenti, in via eccezionale in entrambi i sensi di marcia anche laddove abitualmente vige il senso unico.

Dalle ore 2 del mattino di martedì 11 maggio, alle 18 della stessa giornata, divieto di sosta con rimozione forzata sul lato est di piazzale Genova, in corso Vittorio Emanuele, largo Battisti, via Cavour, via Risorgimento, lungo il lato Sud di piazzale Milano, sul lato Sud di viale S. Ambrogio tra piazzale Milano e via X Giugno nonché – su entrambi i lati della carreggiata – nel tratto tra via X Giugno e piazzale Marconi, in piazzale Marconi, via La Primogenita, piazzale Roma, via Colombo, via Emilia Parmense, via Alberici e nell'area di parcheggio dello stadio Garilli (sul lato Est, verso via Gorra), dove sarà consentita unicamente la sosta dei mezzi di trasporto pubblico locale così come nel tratto di viale Patrioti tra piazzale Libertà e via IV Novembre.

Sempre dalle ore 2 alle 18 di martedì 11 maggio, divieto di circolazione nel tratto di via Giordani tra il Pubblico Passeggio e Stradone Farnese (ad eccezione dei residenti), lungo il lato Est di piazzale Genova, in corso Vittorio Emanuele e largo Battisti. In tutte le vie afferenti alle strade e piazze sopraccitate, potranno circolare unicamente i residenti, in via eccezionale in entrambi i sensi di marcia anche laddove abitualmente vige il senso unico.

Dalle 9.30 di martedì 11, sino al termine della manifestazione, l'istituzione del divieto di circolazione in via Cavour, via Risorgimento, lungo il lato Sud di piazzale Milano, sul lato Sud di viale S. Ambrogio tra piazzale Milano e via X Giugno nonché – su entrambi i lati della carreggiata – nel tratto tra via X Giugno e piazzale Marconi, in piazzale Marconi, via La Primogenita, piazzale Roma, via Colombo, via Emilia Parmense, via Gottifredi (tangenziale di Montale) e di nuovo lungo via Emilia Parmense. Anche in questo caso, in tutte le strade afferenti al percorso, potranno transitare i soli residenti, in entrambi i sensi di marcia anche nelle vie a senso unico.

Si parla di
Sullo stesso argomento

Video popolari

«La partenza del Giro è una festa», attesa la carovana rosa da 1.500 persone

IlPiacenza è in caricamento