rotate-mobile
Fondazione di Piacenza e Vigevano

La prima "banca dei giovani" di Piacenza entra nella rete YouthBank International

Aperto fino al 22 settembre 2023 il bando per aderire al progetto della Fondazione nato per promuovere il protagonismo giovanile

È entrato a far parte della rete YouthBank International il progetto YouthBank Piacenza, finalizzato alla costituzione di una “banca” formata da ragazze e ragazzi under 25 anni che avranno a disposizione risorse economiche della Fondazione di Piacenza e Vigevano, per sostenere progetti sociali ideati e gestiti da loro coetanei.

L’iniziativa, che è stata presentata nel giugno scorso e ha come obiettivo di coinvolgere i giovani nella cura e nella promozione della comunità, ha una connotazione “glocal”: porta cioè a Piacenza un’esperienza internazionale, elaborata appunto da YouthBank International, declinandola e adattandola al territorio piacentino e ai suoi bisogni specifici.

La primissima esperienza di YouthBank risale alla fine degli anni Novanta a Belfast, nel pieno del conflitto nordirlandese, e fu pensata dal suo ideatore (Vernon Ringland) con l’intento di coinvolgere ragazze e ragazzi in un percorso di socializzazione e cura del bene comune. Nasce a seguire la rete YouthBank International, oggi attiva in trentasei paesi del mondo, comprendente oltre trecento iniziative del genere, compresa ora anche quella piacentina.

Attualmente per concretizzare il progetto la Fondazione sta selezionando il gruppo di giovani (YouthBanker) che, dopo un percorso di formazione gratuito, avranno a disposizione un fondo di circa 30mila euro per mappare i bisogni del territorio e dei coetanei in ambito sociale, definire una strategia di intervento, elaborare un bando che intercetti i progetti di altri giovani (gli YouthPlanner), scegliere i progetti più meritevoli, decidere quali finanziare e infine monitorarne la realizzazione.

«L'aspetto innovativo – sottolinea il coordinatore Edoardo Favari, consigliere generale della Fondazione - è che il progetto affida alle nuove generazioni risorse reali e autonomia decisionale. Gli YouthBanker piacentini saranno chiamati a lavorare sui problemi segnalati sul nostro territorio, in modo da poter implementare soluzioni pensate e gestite direttamente da loro, senza la mediazione di persone più mature che tenderebbero a vincolarne l’azione secondo il proprio punto di vista. L’obiettivo della YouthBank è infatti contribuire alla formazione di nuovi giovani decision maker nell’ambito della progettazione sociale. Sono arrivate già diverse candidature, ma il bando è ancora aperto, così come l’invito alle ragazze e ai ragazzi a farsi avanti».

Possono diventare “YouthBanker” giovani dai 16 ai 25 anni che per motivi di residenza, studio o lavoro frequentano il territorio di Piacenza e i termini per presentare la propria candidatura sono aperti fino al 22 settembre. La procedura è semplice e si assolve compilando un breve form presente sul sito https://youthbank.lafondazione.com.

Una volta raccolte tutte le candidature, i giovani saranno invitati a un colloquio conoscitivo e, una volta costituito, il gruppo prenderà parte a un percorso di formazione residenziale gratuito che si terrà tra settembre e ottobre a Torrazzetta di Borgo Priolo (provincia di Pavia) e fornirà ai ragazzi gli strumenti utili a gestire la YouthBank: elementi di analisi dei bisogni locali, progettazione, project management, comunicazione, raccolta fondi.

Dopo la formazione, il gruppo entrerà nel vivo del lavoro che porterà alla stesura di un bando rivolto ai gruppi di YouthPlanner e che, indicativamente, sarà aperto nella primavera del 2024. A quel punto si aprirà per altri giovani piacentini anche l’opportunità di diventare YouthPlanner, vale a dire di elaborare e proporre progetti che agiscano sul territorio e candidarli al Bando promosso da YouthBank. Il progetto dovrà essere presentato tramite un ente ammissibile al contributo secondo le regole della Fondazione di Piacenza e Vigevano (enti o associazioni accreditate). Tale ente sarà tenuto ad accompagnare il gruppo di YouthPlanner durante la progettazione, garantendo ancora una volta la piena autonomia gestionale dei ragazzi.

Il percorso di costituzione della prima YouthBank di Piacenza è affiancato dalla Fondazione Provinciale della Comunità Comasca, ente che nel 2007 realizzò la prima YouthBank italiana, e che condividerà con il gruppo piacentino il percorso di formazione, promuovendo lo scambio di esperienze fra i giovani di Como e i coetanei di Piacenza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La prima "banca dei giovani" di Piacenza entra nella rete YouthBank International

IlPiacenza è in caricamento