"La Scelta di leggere Piace": sottoscritto il Patto per la lettura

Il progetto è risultato vincitore del bando Città che legge – 2018, promosso dal Centro per il libro e la lettura del Ministero per i beni e le attività culturali

La presentazione

Nel pomeriggio di martedì 17 dicembre è stato presentato e sottoscritto il Patto per la Lettura della città di Piacenza. Con l'ottenimento della qualifica di "Città che legge" da parte del Cepell-Centro per il libro e la Lettura, il Comune ha avviato nel 2018 un percorso per la sigla del Patto per la lettura che, dopo un anno di incontri, scambi di idee e progetti, arriva ad una prima formalizzazione. Tale Patto si configura tuttavia come un Documento Aperto a soggetti, pubblici e privati, che intendono arricchire il percorso intrapreso con nuove proposte. 

«La lettura è una risorsa strategica, e il premio ottenuto nel 2018 deve essere un punto di partenza: oggi viene condivisa una progettualità per promuovere sempre di più la lettura e portare avanti un percorso di grande valenza» ha esordito il sindaco, Patrizia Barbieri. «La lettura può essere un grandissimo strumento di inclusione sociale, anche all’interno delle numerose realtà coinvolte. Piacenza può essere orgogliosa di firmare un protocollo del genere».

«Personalmente non riuscirei a immaginare la mia vita senza la lettura: un cittadino che legge aumenta la propria cultura ed è un utente più consapevole. Da anni la nostra azienda lavora su questo tema» ha aggiunto Luca Baldino, direttore generale dell’Ausl di Piacenza.

Che cos’è il Patto per la lettura? E' uno strumento di governance delle politiche di promozione del libro e della lettura adottato dal Centro per il libro e proposto a istituzioni pubbliche e soggetti privati, che individuano nella lettura una risorsa strategica su cui investire e un valore sociale da sostenere attraverso un’azione coordinata e congiunta tra i diversi protagonisti presenti sul territorio.

Il Patto per la lettura della città di Piacenza è quindi uno strumento - fondato sull'idea che leggere è un diritto e un bene comune  - che ha come obiettivo prioritario la promozione della lettura intesa come abitudine sociale diffusa. Mettere Piacenza e il suo territorio al centro di un insieme di soggetti che, tramite un percorso condiviso, siano in grado di promuovere continuativamente la lettura e la conoscenza: questa è l'idea fondante di una estesa alleanza cittadina alle quale aderiscono soggetti pubblici e privati, istituzioni culturali e associazioni che intendono impegnarsi per ideare e sostenere progetti condivisi. 

La lettura è un valore su cui investire e dal quale partire per lavorare in molteplici direzioni. Si individuano le esigenze sul territorio, si confrontano le proposte e si elaborano progetti che siano  sostenibili e continuativi: si parte dalla comunità e dai suoi bisogni e si ritorna alla comunità e alla risposta a questi bisogni. Avvicinare alla lettura chi non legge o legge sporadicamente, dare occasioni di lettura a chi è in difficoltà, ma anche promuovere nuove forme di conoscenza, avvicinare le generazioni, leggere nelle carceri, negli ospedali, nelle case di risposo e in altri luoghi della città contribuisce anche ad incrementare la coesione sociale. 

Alla presentazione sono intervenuti anche la direttrice della casa circondariale delle Novate Maria Gabriella Lusi, la coordinatrice della casa di riposo Vittorio Emanuele II, Gabriella Cella, in rappresentanza di Asp Città di Piacenza, la dirigente scolastica della media Calvino Elisabetta Ghiretti, il responsabile delle Biblioteche comunali Graziano Villaggi e Gabriella Zucchini della cooperativa Equilibri. Nell’occasione, sono state illustrate anche le attività avviate proprio nell’ambito di questo progetto: dal riallestimento della biblioteca del carcere alla produzione di libri a lettura facilitata in collaborazione con “La matita parlante”, sino alle iniziative in corso nelle scuole, per citare solo alcune delle tante realtà coinvolte.

I destinatari del progetto La Scelta di leggere Piace:

-Scuole, arricchendo le proposte consolidate che ogni anno vengono offerte dalla Biblioteca.

-Università Cattolica - Corso di laurea in Scienze della formazione, concordando con i docenti l’inserimento in convenzione di tirocini formativi di alcuni studenti che seguiranno il progetto in tutti gli ambiti previsti. La convenzione proseguirà anche dopo la conclusione del progetto stesso.

-Casa Circondariale, con la collaborazione delle associazioni che da anni fanno attività con i detenuti, per conseguire: il riallestimento delle biblioteche interne; il coinvolgimento dei detenuti nella scelta della dotazione libraria; la formazione di 3 detenuti che svolgeranno l'attività di catalogazione del patrimonio librario e la gestione del servizio; la programmazione di una serie di incontri di lettura ad alta voce, cineforum e incontri con l’autore; la partecipazione di alcuni detenuti al Premio letterario Giana Anguissola anche in qualità di giurati.

-Quartiere multietnico della città: con la collaborazione dell'Associazione Fabbrica & Nuvole: formazione di volontari che effettueranno letture ad alta voce nei cortili con prestito libri ai condomini; potenziamento della Biblioteca Aperta, ubicata in un tessuto sociale di scarsa alfabetizzazione, con testi in lingua e facilitati; incontri con autori di libri.

-Casa di riposo Vittorio Emanuele II: incontri di formazione tenuti da esperti di lettura ad alta voce coadiuvati da educatrici della casa di riposo, rivolti a studenti delle scuole superiori e dell’Università Cattolica, i quali al termine del percorso formativo si recheranno a piccoli gruppi presso la struttura per leggere ad alta voce agli anziani degenti.

-Programma autismo 0-30: in collaborazione con il Dipartimento di Salute Mentale dell’Ausl, l’Associazione La Matita parlante, con la quale già da anni la biblioteca collabora per la rete IN-Book e per lo Sportello CAA. La redazione della Matita parlante composta interamente da ragazzi con sindrome di autismo produrrà due nuovi IN-Book, uno dei quali in particolare, illustrato con l’aiuto di studenti del liceo Artistico, sarà curato ed edito dalla casa editrice Erickson ed inserito nel kit Far crescere (con) la lettura, donato ai nuovi nati all’ospedale di Piacenza. Verrà potenziato anche il progetto BookBox: una serie di scaffali di libri posizionati nelle sale d’aspetto dove la cura, l’aggiornamento periodico e la distribuzione dei volumi e delle riviste è affidata a ragazzi autistici che rientrano nel Progetto Autismo 0-30.

-Ospedale in collaborazione con l’Associazione Volontari Ospedalieri: potenziamento del progetto Un carrello di libri nei reparti ospedalieri; promozione dell’utilizzo di Emilib presso i degenti e i pazienti in day hospital per consultare ebook, giornali e audiolibri.

-dono del kit Far crescere (con) la lettura a tutti i nuovi Nati all’Ospedale di Piacenza (circa 2000 all’anno), a partire da gennaio 2020. Il kit sarà speciale perché oltre a contenere materiale informativo Nati per Leggere, un libro in edizione speciale NpL, sarà arricchito dall’IN-Book prodotto dai ragazzi del Programma autismo 0-30 della Matita parlante. 

Tutte le attività organizzate durante l’anno confluiranno nel mese di Maggio nella Festa dei lettori e delle lettrici: un week-end ricco di eventi aperti alla cittadinanza, con incontri con autori in diversi luoghi della città, le giornate conclusive del Premio Giana Anguissola, la Maratona di lettura e I lettori in vetrina.

Il tema conduttore di tutto il progetto sarà La Scelta

Si parlerà di Scelte nei libri proposti per le letture e per l’ampliamento delle dotazioni librarie e ci si confronterà sulle Scelte delle persone, partendo dalla letteratura per arrivare al racconto delle storie personali di tutti i soggetti coinvolti, con la finalità di costruire un dialogo intergenerazionale, favorire lo scambio di esperienze, la partecipazione e l’inclusione sociale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Emergenza coronavirus, decisa la chiusura di tutte le discoteche e locali di intrattenimento

  • Coronavirus, lotta al contagio: nel Piacentino scuole chiuse e San Damiano per la quarantena

  • Coronavirus: il 38enne contagiato in contatto con un manager di Fiorenzuola, isolato a Milano. Chiusa la ditta Mae

  • Esselunga: «Scaffali vuoti vengono subito riempiti: abbiamo scorte, pronti a ogni evenienza»

  • Sei nuovi contagi a Piacenza: tra loro due medici e un infermiere del Polichirurgico

  • «Due nuovi casi positivi all'ospedale di Piacenza: contagiati dal focolaio lombardo»

Torna su
IlPiacenza è in caricamento