«La teoria gender non esiste e l'omosessualità non si insegna»

Le psicologhe e psicoterapeute Valentina Tirelli e Maria Giovanna Cammi hanno voluto replicare all’interrogazione del consigliere comunale di Fd'I, Gloria Zanardi, in cui si citano “teoria gender, attacchi alla normalità, educazione sessuale e rischio di insegnamento dell’omosessualità”

Le psicologhe Cammi e Tirelli

«La nostra risposta nasce dalla lettura dell’interrogazione da parte del consigliere Gloria Zanardi, nella quale vengono esposte informazioni particolarmente scorrette dal punto di vista scientifico: per questo abbiamo ritenuto opportuno diffondere una cultura corretta e prendere una posizione in merito, che è semplicemente professionale, senza alcun legame dal punto di vista politico. Inoltre, vuole essere un invito alla giunta a non prendere in considerazione questa interrogazione, ma anzi, a diffondere informazioni corrette in merito».

Queste le parole delle psicologhe e psicoterapeute Valentina Tirelli e Maria Giovanna Cammi che, insieme al neuropsicologo Davide Manstretta, come rappresentanti di una comunità scientifica - in collaborazione con il centro Tice - hanno voluto replicare all’interrogazione della consigliera comunale di Fratelli d’Italia - Gloria Zanardi - in cui si citano “teoria gender, attacchi alla normalità, educazione sessuale e rischio di insegnamento dell’omosessualità”.

«Nell’interrogazione si parla di ideologia gender, di scelta o insegnamento dell’orientamento sessuale e di un tentativo di instillare nelle coscienze dei bambini concetti che vogliono alterare la serena visione dell’esistenza secondo natura» cita Tirelli. «Dal punto di vista scientifico sono affermazioni infondate che non vanno a promuovere il benessere degli adolescenti ma anzi, diffondono una cultura scorretta e aumentano il rischio di malessere nei giovani del territorio. Abbiamo quotidianamente a che fare con preadolescenti, ragazzi e adulti, uomini e donne, alla prese con pregiudizi, atti di bullismo e omofobia interiorizzata, conseguenza di discriminazioni che alla lunga portano una persona a pensare di essere sbagliata e di valere meno. La nostra comunità di riferimento sfata da anni l’esistenza di una ideologia cosiddetta gender, che non esiste».

«La teoria gender non è altro che un caso esemplare della costruzione di un nemico che non esiste, un po’ come creare una minaccia sociale per creare paura e insicurezza, in particolar modo per istigare l’idea che la minoranza omosessuale sia nemica del popolo cosiddetto “normale” o “sano”» continua Cammi. «Non si può fare un’informazione di questo tipo: siamo schierati per cercare di spiegare quali sono gli aspetti che bisogna diffondere, ad esempio con l’ampliamento e l’adattamento delle informazioni a livello educativo. Ci sono vari concetti, come quello di sesso biologico, di identità di ruolo, di genere e di orientamento sessuale che vengono completamente confusi. Non esiste l’apprendimento o l’insegnamento di un orientamento sessuale».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«L’OMS - organizzazione mondiale della sanità - e Unicef, solo due citazioni del mondo scientifico, hanno l’intenzione di diffondere una cultura della diversità grazie agli studi di genere: si vuole insegnare effettivamente che esistono delle differenze rispetto all’orientamento sessuale e rispetto all’identità di genere. Il tutto con l’obiettivo di promuovere il benessere e prevenire il disagio nell’adolescenza, perché si è visto che una cultura scorretta in merito e la non conoscenza di questi principi porta più facilmente a psicopatologie e a rischi di malessere dal punto di vista psicologico», continua Tirelli. «Nascondere questa cultura promuove il malessere, non diffonderla o insegnarla. Bisogna informare che è nella norma che ci siano minoranze con un orientamento sessuale diverso, bisogna insegnare una cultura della differenza: la natura è fatta così, in modo tale da renderci diversi in tante sfaccettature e peculiarità. Non si può vestire una minoranza di un’armatura di cattiveria o promiscuità che non esiste, perché questo atteggiamento è di per sé discriminatorio».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • «Due positivi in discoteca e mancanza delle norme anti Covid». Disposta la chiusura del Paradise

  • Altoè, 55enne muore alla guida dell'auto

  • Muore schiacciato dal trattore mentre lavora nei campi

  • Crolla un silos, 50enne muore schiacciato

  • Identificato l'operaio ucciso dal crollo di un silos. Forse il cedimento di un sostegno la causa della tragedia

  • Coronavirus, quindici nuovi casi in un giorno a Piacenza e un decesso

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento