La tradizione del Cantamaggio, ecco tutti gli appuntamenti delle prossime ore sul territorio

Il Cantamaggio è una tradizione della montagna piacentina. Nelle zone montane dell’Appennino tosco-emiliano, in Emilia, Liguria, Toscana e anche nel piemontese, è usanza organizzare gruppi di cantori che girano per salutare la primavera e propiziare i raccolti

il gruppo di Coli che ha già organizzato il suo Cantamaggio

Il Cantamaggio (o Calendimaggio) è una tradizione anche della montagna piacentina. Nelle zone montane dell’Appennino tosco-emiliano, in Emilia, Liguria, Toscana e anche nel piemontese, è usanza  – prima, durante e dopo la convenzionale giornata del Primo maggio, che è giorno di riposo per quasi tutti – organizzare gruppi di cantori che girano i paesi per celebrare l’arrivo della primavera. L’usanza di benedire la primavera con canti propiziatori e di buon auspicio per il raccolto arriva da molto lontano, dalla presenza degli etruschi. Il Cantamaggio si mantiene vivo ancora oggi, nonostante lo spopolamento della montagna piacentina e l'invecchiamento progressivo della sua gente. I cantori girano i paesi del territorio del proprio comune esibendosi: i residenti offrono a loro cibo e vino, quest’ultimo carburante del viaggio tra le frazioni. Nel Piacentino l’usanza va avanti ancora in zone come Vernasca, Coli, Morfasso, Ferriere, Pecorara, Farini, Marsaglia, così come è ancora viva nella montagna del parmigiano, in paesi come Bardi, Bedonia, Anzola. Il Cantamaggio si mantiene vivo anche grazie alla presenza di numerosi giovani che rimangono affascinati dalla tradizione e s'impegnano per tramandare il rito.

Diversi gli appuntamenti sul nostro territorio per seguire – soprattutto per i neofiti – questa tradizione centenaria. Nella giornata di sabato scorso si sono già dati da fare i cantori di Coli, che hanno attraversato le frazioni di Pradaglione, Boioli, Peveri, Larceri, Fontana, Santa Cecilia e Gavi. Nella giornata di martedì 30 aprile in diverse località si inizierà a “girare”. L’appuntamento nella serata di martedì è a Vernasca (Valdarda) , Vezzolacca (Valdarda, frazione di Vernasca), Marsaglia (Valtrebbia), Farini (dalle 18.30), Mareto di Farini (dalle 20, a partire dalla frazione di Borderoni). Alla mezzanotte partirà quello di Santo Stefano d’Aveto (fuori dai confini provinciali, ma non tutti sanno che “San ‘Ste” fa parte della Diocesi piacentina). A Ferriere l’appuntamento è invece per mercoledì primo maggio, dalle 7.30, nel capoluogo. Il cantamaggio ferrierese passerà in rassegna diverse frazioni del comune: Marconi alle 8, Folli alle 9, Gambaro alle 10, Selva alle 11.30, Valle 13, Pertuso alle 14, Rompeggio alle 16, Canadello alle 18.30, con orari - va precisato - soltanto indicativi e “fluttuanti”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scontro tra due camion in autostrada, muore 56enne piacentino

  • Si schianta in moto contro un'auto che fa inversione, giovane all'ospedale

  • Norme anti covid, multati due locali aperti dopo mezzanotte. Nei guai anche un cliente senza mascherina

  • Sbanda con l'auto e si ribalta, è grave

  • Ladri sfondano l'ingresso e portano via le bici da corsa, fallisce il colpo da Raschiani

  • Ennesimo tragico infortunio sul lavoro, agricoltore muore schiacciato dal trattore

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento