rotate-mobile
Lunedì, 17 Gennaio 2022
Attualità

Laureati in Scienze Agrarie, lo scambio di auguri nel ricordo dei soci scomparsi

Tradizionale scambio di auguri fra il Consiglio e gli iscritti all’Associazione Laureati in Scienze Agrarie e Forestali che si è svolto quest’anno (dopo l’interruzione dovuta alla pandemia) con una serata conviviale all’albergo Roma

Tradizionale scambio di auguri fra il Consiglio e gli iscritti all’Associazione Laureati in Scienze Agrarie e Forestali che si è svolto quest’anno (dopo l’interruzione dovuta alla pandemia) con una serata conviviale all’albergo Roma. «Una tradizione - ha sottolineato il presidente Giuseppe Bertoni - finalmente ripresa che è stata anche l’occasione per un breve ricordo di Michele Stanca, Giancarlo Lorenzoni, Massimo Bergamaschi e altri soci scomparsi nel 2020».

Michele Stanca  già direttore del CRA di Fiorenzuola era giunto nella città sull’Arda nel 1972  portando al livello di Istituto di Ricerca nazionale ed internazionale la locale Stazione Fitotecnica allora organismo del Ministero della Agricoltura per la ricerca e divulgazione delle prove sul frumento e sui pomodori. Grazie alla direzione di Stanca il ruolo della Stazione, divenuta oggi Centro di   Ricerca in Agricoltura, è divenuto di fame europea per le ricerche genetiche sui cereali e per la divulgazione dei risultati. Dei successi delle indagini e del ruolo di Michele  Stanca  ha trattato il Prof. Tondelli  che ne ha fra l’altro ricordato laVice Presidenza dell’ Accademia dei Georgofili e la presidenza  dell’UNASA.

La figura di Carlo Lorenzoni, titolare della cattedra di Genetica dell’Università Cattolica di Piacenza è stata rievocata dal Professor Busconi  che ne ha descritto la complessa attività scientifica nel settore della ricerca applicata al miglioramento  genetico delle piante, l’insegnamento universitario reso sempre di facile comprensione e agli studenti e la grande umanità e disponibilità nei loro confronti.

Di Massimo Bergamaschi, agricoltore, già segretario del Comitato Direttivo della Banca di Piacenza, presidente dell’Associazione Provinciale Allevatori e di Confagricoltura,  hanno parlato prima Paolo Iacopini  che ne ha illustrato la figura di valente agricoltore che partendo dall’ esperienza nella conduzione dell’Azienda Casa Bianca di Mercore, ha stimolato un nuovo corso al miglioramento della zootecnia piacentina.  E’ stata poi la volta di Marilena Massarini, segretaria di ALSAF con la proiezione di un filmato che evidenzia i successi dall’azienda di oggi, con il percorso dei miglioramenti e delle trasformazioni tutt’ ora in corso che ne hanno consentito di raggiungere l’ attuale livello. Attività e caratteristiche di Renzo Capelli, già insegnate all’ ITA di Castelsangiovanni e all’Itas di Piacenza, Giuseppe  Fricano professore di Botanica della Facoltà di Agraria di Piacenza, in pensione, e Gino Piras, un tempo funzionario della Federconsorzi, sono state invece descritte da Giuseppe Bertoni che ne ha messo in luce l’umanità e le doti professionali.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Laureati in Scienze Agrarie, lo scambio di auguri nel ricordo dei soci scomparsi

IlPiacenza è in caricamento