Lavoro di pubblica utilità, rinnovata la convenzione tra il Tribunale e il Comune

L’accordo, firmato dal presidente Stefano Brusati e dal sindaco Patrizia Barbieri, prevede l’inserimento negli uffici comunali di 35 persone ogni anno, per lo svolgimento di un servizio non retribuito a favore della collettività

L'incontro

E’ stato siglato nella mattina di lunedì 13 gennaio il rinnovo della convenzione triennale tra l’Amministrazione comunale e il Tribunale di Piacenza – su delega del Ministero della Giustizia – per la regolamentazione del lavoro di pubblica utilità. L’accordo, firmato nella sede di vicolo del Consiglio dal presidente Stefano Brusati e dal sindaco Patrizia Barbieri, prevede l’inserimento negli uffici comunali di 35 persone ogni anno, per lo svolgimento di un servizio non retribuito a favore della collettività. Come stabilito dal decreto legislativo 274/2000 e dalle successive integrazioni, tale opportunità può essere richiesta dall’imputato come pena alternativa per alcune tipologie di reati (tra cui le violazioni agli articoli 186 e 187 del Codice della Strada) o configurarsi, in base alla legge 67 del 2014, come parte integrante del periodo di “messa alla prova” con sospensione del procedimento giudiziario, in caso di reati che comportino la sola pena pecuniaria o pena detentiva non superiore ai 4 anni, nonché per gli illeciti invididuati dall’articolo 550, comma 2, del Codice Penale. 

Negli otto anni trascorsi dall’attivazione del progetto, avviato nel 2011, sono state destinate al lavoro di pubblica utilità o alla messa in prova presso il Comune di Piacenza 265 persone, che senza percepire alcun compenso hanno prestato servizio – chi per alcune decine di ore, chi per diversi mesi - in via prioritaria, come prevede la convenzione, nei settori afferenti alla sicurezza e all’educazione stradale, nonché in attività di manutenzione stradale, tutela del patrimonio ambientale e verde pubblico, beni culturali, musei, turismo e biblioteche, tutela dei beni comunali, servizi alla persona e al cittadino. Nell’affidamento della mansione, si prendono in considerazione anche le esperienze professionali e le attitudini lavorative, verificate nel corso di un colloquio conoscitivo preliminare. 

«Grazie alla consolidata collaborazione tra l’Amministrazione comunale e il Tribunale di Piacenza – sottolineano il sindaco Patrizia Barbieri e il presidente Stefano Brusati – si dà continuità a un progetto di forte valenza sociale, improntato a promuovere la cultura della legalità e del rispetto delle regole di convivenza civile. Attraverso l’impegno in attività a beneficio della comunità locale, si valorizza la consapevolezza e l’assunzione di responsabilità, nei confronti della collettività, da parte dei cittadini coinvolti. Nel contempo, si concretezza un costruttivo percorso di riabilitazione e recupero che può contribuire a prevenire situazioni di disagio e conseguenti difficoltà di reintegrazione, sia sotto il profilo occupazionale, sia nelle relazioni interpersonali».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazzino finisce in Po, un passante si butta e lo salva appena in tempo

  • Schianto sulla strada della Mottaziana, gravi due giovani

  • «Il mito della Lancia Delta non passerà mai di moda»

  • Ricoverato uomo affetto da meningococco , l'Asl: «Per chi è entrato in contatto serve la profilassi»

  • Nella notte fatti saltare due bancomat in pochi minuti, commando in fuga

  • Con l'auto d'epoca contro un palo della luce

Torna su
IlPiacenza è in caricamento