rotate-mobile
Attualità Gragnano Trebbiense

Le scatole di Natale del Volta di Borgonovo e del comune di Gragnano

Gli studenti, insieme all'insegnante Patrizia Calza, nonché sindaco di Gragnano, hanno deciso di confezionare vere e proprie scatole di Natale da consegnare al Comune di Borgonovo che, attraverso i servizi sociali, provvederà a destinarsi a chi è in difficoltà

L'economia civile è un modo di pensare il sistema economico come basato su alcuni principi, come la gratuità, la reciprocità e la fraternità, che superano la logica del mero profitto. Poco studiata, almeno fino ad oggi, è stata oggetto di approfondimento nella classe III A dell'istituto tecnico economico Volta di Borgonovo. 

Gli studenti, insieme all'insegnante Patrizia Calza, hanno deciso di avanzare una proposta esperienziale a tutte le classi della scuola: confezionare vere e proprie scatole di Natale - le scatole di Natale del Volta - da consegnare al Comune di Borgonovo che, attraverso i servizi sociali, provvederà a destinarsi a chi è in difficoltà. Mirko Omar Gabriel, Morar Aser Emanuel, Elisa Canaliu e Sofia Esposti, in rappresentanza degli studenti, hanno illustrato al sindaco di Borgonovo Monica Patelli le motivazioni dell'iniziativa.
«Occorre pensare ad un nuovo paradigma che non è quello esclusivo della crescita, comunque raggiunta, che di per sé non si prende cura di chi rimane indietro, ma quello dello sviluppo che - come ricorda il professor Zamagni - toglie i lacci, i vincoli che impediscono di crescere insieme».
In questa ottica il dono assume un valore economico che non è quello della cosa donata, ma della relazione è della reciprocità he si instaurano tra chi dà e chi riceve. «Nell'ottica dell'economia civile - spiegano i tagazzi - se nel crescere c'è chi rimane indietro, il risultato del prodotto sarà zero, ovvero il paese sarà cresciuto ma solo in termini di Pil e non di benessere diffuso».
Ecco allora l'idea, mutuata dal Comune di Gragnano, di confezionare queste scatole natalizie in cui porre prodotti di bellezza, di abbigliamento, libri, oggetti e generi alimentari diversi da quelli ordinariamente distribuiti dai comuni e dalle associazioni. «Soprattutto non ci si dovrà scordare di un bel biglietto di auguri», ricorda Patrizia Calza.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Le scatole di Natale del Volta di Borgonovo e del comune di Gragnano

IlPiacenza è in caricamento