Maltempo e danni nel comune di Alta Val Tidone, così il Consorzio di Bonifica metterà in sicurezza

Sarà il Consorzio di Bonifica di Piacenza a realizzare una serie di interventi di messa in sicurezza e difesa del suolo nel comune di Alta Valtidone dopo i danni causati dal maltempo del 12 aprile scorso a monte di Trevozzo

Un momento dell'incontro

Sarà il Consorzio di Bonifica di Piacenza a realizzare una serie di interventi di messa in sicurezza e difesa del suolo nel comune di Alta Valtidone dopo i danni causati dal maltempo del 12 aprile scorso a monte di Trevozzo. All’incontro di presentazione e condivisione del progetto finalizzato alla regimazione idraulica e alla sistemazione del versante hanno partecipato i tecnici del Consorzio di Bonifica di Piacenza, alla presenza del sindaco Albertini e del vicesindaco Aradelli. 

«Sono stati illustrati gli interventi di miglioramento dell’assetto del territorio - si legge in una nota del Consorzio - al fine di prevenire fenomeni di dissesto idrogeologico e favorire lo scolo delle acque meteoriche e la difesa del suolo. L’incontro è avvenuto a seguito della richiesta di intervento, avanzata dal comune in occasione della riunione del Nucleo Tecnico Politico per la Montagna, dove oltre alla descrizione degli eventi accaduti, è stato fatto presente che saranno i proprietari interessati a provvedere all’adeguata manutenzione di cunette e caditoie delle strade vicinali e interpoderali, e dei coli superficiali dei propri terreni».

Il 12 aprile scorso si è verificato a Verago e Gabbari, a monte dell’abitato di Trevozzo, un evento di straordinaria entità, caratterizzato da forti piogge e grandinate. «Questo evento - afferma la Bonifica - sebbene di eccezionale entità, è stato peggiorato da un sistema idraulico non sufficientemente regimato e ha evidenziato la fragilità del nostro territorio e la scarsa efficacia di un sistema di drenaggio superficiale non adeguato a sopportare i carichi meteorici di particolare intensità».

«A seguito del sopralluogo - sottolinea il consorzio piacentino - è emersa la necessità di migliorare il sistema di scolo superficiale mediante la pulizia, la risagomatura e la regimazione dei canali superficiali.
Gli interventi riguarderanno: il miglioramento della regimazione idraulica del versante mediante la pulizia e la risagomatura delle sponde dei canali presenti, la realizzazione di briglie e traverse in pali di castagno al fine di migliorare il deflusso delle acque e attenuare il trasporto di detriti in caso di eventi piovosi intensi, il rivestimento di un tratto di canale di scolo in località Gabbari di Sopra per attenuare il trasporto solido e rallentare il corso dell’acqua in occasione di piogge intense e infine il rifacimento di un manufatto di raccordo al sottopasso stradale della strada comunale Sala–Botteghe al fine di ripristinarne la piena funzionalità idraulica. Rimarrà a carico dei proprietari dei terreni e agli utilizzatori delle strade vicinali la manutenzione delle cunette e delle caditoie nonché dei coli superficiali dei propri terreni localizzati a monte dell’abitato di Trevozzo, condizione necessaria affinché tutto il sistema scolante del versanti funzioni adeguatamente».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le spaccano la faccia contro una cancellata per rapinarla della borsa

  • Carla non ce l'ha fatta, il suo alpino Stefano la piange dopo la serenata davanti all'ospedale

  • Scaraventano un cancello contro la polizia per scappare dopo il colpo: quattro arresti

  • Cacciatore cade in un dirupo e muore

  • Cene e ritrovi clandestini in due locali, blitz della finanza: multa per tutti e attività sospesa

  • L'annuncio di Bonaccini: «La regione torna “zona gialla” da domenica»

Torna su
IlPiacenza è in caricamento