Messaggi falsi via WhatsApp, la Regione: «Fate attenzione»

Segnalazione alle autorità competenti per individuare i responsabili. Sembrano inviati dal presidente Bonaccini, ma così non è

Messaggi con indicazioni in tema Covid che sembrano inviati dal presidente della Regione, Stefano Bonaccini, ma che tali non sono. Circolano attraverso le piattaforme di messaggistica, in particolare da ieri su WhatsApp e anche nelle ultime ore, va però precisato che - tranne in un caso in cui viene riportato un suo post - si tratta di messaggi fasulli, che in alcun modo fanno riferimento al presidente della Regione o alla Regione stessa. Per questo, sono già stati segnalati alle autorità competenti per l’individuazione degli autori e responsabili della diffusione. «È bene ricordare – fa sapere la Regione Emilia-Romagna - che le comunicazioni del presidente Bonaccini relative a decisioni prese e, più in generale, alla sua attività istituzionale, avvengono solo attraverso i canali ufficiali della Regione o i suoi profili personali. La Regione e lo stesso presidente si rivolgono alle autorità competenti ogni volta vi siano messaggi veicolati autonomamente da altri come se fossero del presidente o dell’Ente affinché si facciano tutti gli accertamenti su chi intenda diffondere comunicazioni false o tendenziose, soprattutto in un momento così particolare e difficile, nel quale ognuno deve assumersi la responsabilità dei propri comportamenti».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Carla non ce l'ha fatta, il suo alpino Stefano la piange dopo la serenata davanti all'ospedale

  • Cacciatore cade in un dirupo e muore

  • Cene e ritrovi clandestini in due locali, blitz della finanza: multa per tutti e attività sospesa

  • «Noi facciamo sesso, licenziateci tutte». Il Centro Tice prende posizione sul caso della maestra di Torino

  • Le spaccano la faccia contro una cancellata per rapinarla della borsa

  • Nuova ordinanza della Regione: aperti i negozi nei festivi. Ma si rimane in fascia arancione

Torna su
IlPiacenza è in caricamento