«L’Appennino è bellezza e sacrificio, un posto per resistenti che offre tanto»

L’escursionista piacentino Davide Galli, presidente nazionale delle guide ambientali: «La nostra montagna non è di serie “B”, abbiamo milioni di persone che abitano sopra il Po che non vedono l’ora di scappare». «Le scuole di montagna sono intoccabili: se smette di suonare una campanella, perdiamo il battito del cuore dei nostri paesi»

Davide Galli, presidente nazionale Aigae

L’escursione più bella del Piacentino? «La zona del Monte Nero e del Lago Nero a Ferriere è la più bella in assoluto, ha caratteristiche uniche nel territorio italiano, per le rocce, l’ambiente». La più sconosciuta, che meriterebbe maggiore appeal? «Il monte Menegosa, è particolare». Il piacentino Davide Galli, classe 1972, grafico pubblicitario, abita con la moglie e i due figli in Val Noveglia a Bardi, nell’Appennino parmense, ed è presidente nazionale Aigae, l’associazione italiana guide ambientali escursionistiche.

CHI SONO LE GUIDE AMBIENTALI

Davide è formatore e istruttore per corsi di guide ed escursionismo. «È uno stile di vita – spiega meglio -, si accompagnano le persone e si racconta la natura. Non si tratta solo di camminare, ma si entra nella storia, nelle tradizioni, nella conoscenza dei luoghi che si attraversano. Questa attività si è sviluppata molto inizialmente in Valtaro e Valceno nel parmense, ma ora l’escursionismo ambientale è esploso, soprattutto nel Piacentino faccio sempre il tutto esaurito, e così anche i miei colleghi con i loro gruppi». Le guide hanno fatto un Davide Galli-3corso e passato un esame, sancito da una legge regionale ad hoc dell’Emilia-Romagna. Sono 150 le ore di accompagnamento, orientamento, tecniche di narrazione, cartografia e pronto soccorso, prima dell’esame finale. Il corso è iniziato da poco: a Piacenza si sono svolte le lezioni teoriche e questo fine settimana a Ferriere, nella zona del Lago Moo, le prime lezioni pratiche all’aperto di cartografia. È un vero e proprio mestiere? «È una professione che può integrare il reddito, ma alcuni la stanno trasformando in un’attività a tempo pieno. Non si diventa ricchi, però uno stipendio da operaio lo si può portare a casa, stando però all’aria aperta a contatto con la natura». Galli lo fa part-time. «Sono uno di quelli che vive in montagna facendo un paio di mestieri per mantenere la sua famiglia qui. Questa sicuramente è l’attività più appassionante, non sembra neanche un lavoro». Il settore vive un “boom”. «Si sta così alzando la qualità, gli obiettivi, i progetti delle guide piacentine. Molti di questi colleghi hanno scelto di cambiare vita, di allontanarsi dalla città il più possibile e cambiano lavoro». In autunno verrà organizzato un nuovo corso, sempre diviso tra Piacenza e Ferriere.

IL TRASFERIMENTO DALLA CITTA’ A BARDI

Davide è un “piasintein dal sass”, nativo della Muntà di Rat. «Non avevo legami familiari con la montagna, tranne qualcuno che durante la Resistenza si è rifugiato lì, perché si sa, la montagna nei momenti di crisi è rigeneratrice». «La passione – prosegue - è nata con le famose passeggiate al mare che venivano organizzate da Piacenza alla Liguria: cominciai giovanissimo con queste esperienze di grande benessere». Nel 2004 sceglie di trasferirsi con la famiglia sulla montagna parmense, nel territorio di Bardi. «Avevo un figlio di un anno e escursione-3una di tre: è stato un “cambio vita” improvviso su cui ho pensato solo poche ore». La Coop gli offrì di curare la sua comunicazione, con un ufficio sperimentale in Valceno, frutto di un progetto dell’Ibm, che fece arrivare la banda larga a Bardi. «Nel Piacentino non c’era ancora l’Adsl e a Bardi avevano già la fibra ottica: così in pochissimo tempo decisi con mia moglie di trasferirmi». Una dimostrazione vivente di come il telelavoro, per determinate professioni, è una possibilità. «Quando l’ho fatto nel 2004 “si passava da matti”, ora è più facile. Rimane però l’idea che fuori dalla città c’è “il deserto dei Tartari”, ma grafici, informatici, impiegati che devono stare tutto il giorno davanti a un computer, senza contatto con il pubblico, possono lavorare senza per forza vedere un capannone fuori dalla finestra dell’ufficio». Poi Davide trovò un corso a Borgotaro da guida. E lì è iniziata la sua storia con l’escursionismo, che lo vede oggi essere il responsabile nazionale delle guide ambientali.

 

Potrebbe interessarti

  • Morso del ragno violino: sintomi, rimedi e cure

  • Downburst: un fenomeno pericoloso e sempre più frequente

  • «Pendolari "sequestrati" sul nuovo treno Rock»

  • Animali domestici, norme da rispettare e diritti e doveri dei proprietari

I più letti della settimana

  • Auto si ribalta nel canale dopo il frontale con un furgone: tre feriti, uno grave

  • Europei di Motonautica, incidente per il campione Alex Cremona: è grave

  • Si dà alla fuga dopo lo schianto, rintracciato dai carabinieri: è grave

  • Travolta da un treno nella notte, muore a 25 anni

  • Choc anafilattico dopo un morso, 36enne d'urgenza al pronto soccorso

  • Sei cani rinchiusi in mezzo a feci, rifiuti e senza acqua, la Polizia Locale li salva tutti

Torna su
IlPiacenza è in caricamento