Montagna, via al bando della Regione da 10 milioni di euro per i giovani

Termini aperti fino al 30 ottobre. Contrastare lo spopolamento, incentivare il recupero dei borghi, sostenere l’economia locale, gli obiettivi dell’intervento che prevede contributi da un minimo di 10mila euro. Coperto fino al 50% della spesa

Cerignale

Comprare o ristrutturare casa in montagna. Un progetto di vita che può diventare realtà grazie ai 10 milioni di euro stanziati dalla Regione per le giovani coppie o famiglie che desiderano abitare in uno dei 119 Comuni appenninici dell'Emilia-Romagna. Tra quelli piacentini compaiano i comuni di Alta Val Tidone (ma solo il territorio di Pecorara), Bettola, Gropparello, Coli, Cerignale, Corte Brugnatella, Farini, Ferriere, Morfasso, Ottone, Zerba, Piozzano, Vernasca. Nella fascia 2 del bando sono compresi anche Travo e Bobbio. 

Si aprono infatti oggi - martedì 15 settembre e rimarranno aperti fino al 30 ottobre - i termini per presentare domanda di partecipazione al bando regionale per ottenere contributi fino a 30mila euro a fondo perduto.

“Si tratta di un’iniziativa innovativa che si inserisce nel pacchetto di misure che la Regione sta mettendo in campo per il rilancio dell’Appennino. Un territorio che, proprio negli ultimi mesi, è oggetto di una nuova e rinnovata attenzione da parte di tanti cittadini - sottolinea l’assessora regionale alla Montagna, Barbara Lori -. In questi mesi abbiamo raccolto un crescente interesse per questo intervento che ha l’obiettivo di contrastare la tendenza allo spopolamento dei territori di montagna, incentivare il recupero dei borghi e sostenere l’economia locale, in particolare il settore edilizio, ma non solo. Se, come speriamo, le istanze saranno in linea con le attese, siamo impegnati a riproporlo anche negli anni a venire”.

Una conferma dell’attenzione da parte dei cittadini per questa nuova opportunità arriva anche dal numero di mail con richieste di informazioni e chiarimenti arrivate da inizio maggio a oggi all’indirizzo messo a disposizione dalla Regione: quasi 2mila.

Contributi da un minimo di 10mila a un massimo di 30mila euro, fino al 50% delle spese sostenute.

Grazie ai 10 milioni di euro stanziati dalla Giunta guidata dal presidente Stefano Bonaccini, verranno erogati contributi a fondo perduto  -  da un minimo di 10 mila a un massimo di 30 mila euro, fino al 50% delle spese sostenute -per l’acquisto della prima casa casa in proprietà (limitatamente ad alloggi o immobili già esistenti, senza quindi consumo di suolo ulteriore); il recupero di patrimonio edilizio esistente adibito o da adibire a prima casa, o, terza alternativa possibile, per un mix di acquisto e recupero.   

Le domande potranno essere presentate da oggi 15 settembre al 30 ottobre prossimo. L’ordine in cui verranno inviate non influirà sulla graduatoria finale se non come terzo criterio residuale in caso di parità nei punteggi. 

Il bando si rivolge a giovani coppie e nuclei familiarianche composti da una sola persona,  in cui almeno un componente (esclusi i figli) sia nato dopo il 1^ gennaio 1980 e sia residente in Emilia-Romagna o qui svolga la sua attività lavorativa principale

Il bando è pubblicato al seguente link:

https://territorio.regione.emilia-romagna.it/bandi-di-gara/montagna-2020

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Esce di strada e si ribalta in un campo, muore a 32 anni

  • Ruba scarpe da 40 euro ma nella mascherina ne ha più di 6mila: nomade denunciata

  • Cavo nel bosco ad altezza gola, ciclista piacentino salvo per miracolo

  • Invia le foto del tradimento alla moglie dell'amante della sua compagna, prima condanna per revenge porn a Piacenza

  • Sorprende i ladri in casa, 90enne scaraventata a terra e rapinata

  • «Ho ucciso Leonardo, ma l’ho fatto per difendermi. Chiedo scusa alla famiglia»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento