Nel 2020 crollo del gioco d’azzardo nel Piacentino

Un report dell’Ausl e della Regione: «E’ aumentato il benessere soggettivo e familiare finché le slot sono rimaste spente. Pochi sono passati al gioco online»

Meno slot machine ma più gratta&vinci, nessuno spostamento significativo dall’azzardo fisico a quello digitale “nonostante le pressioni dei social”, un unanime aumento del benessere familiare per la mancata disponibilità di strumenti di gioco. L’esperienza del lockdown, che ha comportato da inizio marzo fino a metà giugno la chiusura delle agenzie di scommesse, delle sale bingo, delle sale videolottery e lo spegnimento delle slot machine nei bar e nelle tabaccherie, ha avuto un impatto evidente sui giocatori d’azzardo patologici, e di queste conseguenze si è occupato il servizio dedicato dell’Ausl di Piacenza, che ha condotto un’indagine su un campione di ludopatici che stanno svolgendo il loro percorso clinico nei SerDP della provincia.

Più della metà degli intervistati (il 60%) ha parlato di “benessere elevato” durante la pandemia, principalmente determinato dalla “assenza della disponibilità di giochi d’azzardo”, e tutto questo nonostante il 44% di loro vivesse stati d’ansia legati alla paura per il Covid-19. La grande maggioranza dei giocatori (82%) è rimasta completamente astinente dal gioco d’azzardo, il 15% ha mantenuto le proprie abitudini di gioco e solo il 3% le ha aumentate, giocando online. Una modalità, quella online, su cui nessun giocatore che non la praticasse già in precedenza ha scelto di virare, nonostante le “pressioni dei social” e “la quantità di tempo libero”. E anche per le persone in carico per problemi di gioco online, nella maggior parte dei casi il lockdown non ha portato a un aumento della ludopatia. Anche il passaggio al gioco d’azzardo illegale è risultato nullo.

E se il lockdown ha comportato un piccolo spostamento dei consumi dal gioco offline di prima scelta (di solito slot machine) ad altro gioco offline (gratta&vinci) per l’indisponibilità del primo, nessun servizio si è ritrovato a dover gestire sindromi di astinenza dal gioco d’azzardo. Durante il lockdown le nuove richieste di aiuto al servizio per le dipendenze da l’azzardo patologico si sono praticamente azzerate, per poi riprendere lentamente alle fine del periodo di chiusura forzata, principalmente per gratta e vinci e gioco d’azzardo online – cioè le due formule disponibili nei mesi più critici della pandemia.

Per quanto riguarda invece gli utenti già in carico, i pazienti hanno riconosciuto alle Ausl una buona riorganizzazione dei servizi, che sono riusciti a erogare interventi a distanza via web o per telefono. Quasi la metà dei giocatori patologici (41%) ha lavorato anche durante il lockdown, periodo in cui gli utenti hanno generalmente parlato di una convivenza familiare positiva (73% dei casi), a fronte di un 23% che ha trascorso i mesi da marzo a giugno da solo e di un 4% che ha invece vissuto una convivenza difficile. Su una considerazione tutti i ludopatici intervistati sono stati concordi in maniera unanime: la restrizione all’offerta di gioco, sia nella fase 1 e ancora nella fase 2 ma solo fino alla riaccensione delle slot, ha portato a un aumento del benessere soggettivo e familiare.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le spaccano la faccia contro una cancellata per rapinarla della borsa

  • Carla non ce l'ha fatta, il suo alpino Stefano la piange dopo la serenata davanti all'ospedale

  • Scaraventano un cancello contro la polizia per scappare dopo il colpo: quattro arresti

  • Cacciatore cade in un dirupo e muore

  • Cene e ritrovi clandestini in due locali, blitz della finanza: multa per tutti e attività sospesa

  • Nuova ordinanza della Regione: aperti i negozi nei festivi. Ma si rimane in fascia arancione

Torna su
IlPiacenza è in caricamento