menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Nuovi chiarimenti della Regione: ok all'attività sportiva individuale anche per i minorenni senza accompagnatore

Le Faq che arrivano da Bologna: via libera anche alla ripresa delle visite per l'agonismo ma solo in strutture private

Nuove risposte dalla Regione Emilia-Romagna su quesiti riguardanti l'attività sportiva. Fra i chiarimenti, la possibilità per i minorenni di svolgere attività (sempre in forma individuale) anche senza l'accompagnamento di un maggiorenne e la ripresa delle visite per l'idoneità sportiva ma solamente in strutture private.

Queste tutte le indicazioni della Regione.

I minorenni possono svolgere attività motoria solo in presenza di un maggiorenne accompagnatore?

No, l’art. 1 lett. f del dpcm del 26 aprile 2020 e l’ordinanza regionale del 30 aprile consentono, in deroga all’obbligo di svolgimento individuale delle attività motorie e sportive, che il minore possa svolgere tali attività anche in forma non individuale con un accompagnatore maggiorenne ma non dispongono che tale accompagnamento sia sempre ed in ogni caso necessario.

Si possono raccogliere i tartufi?

Sì, si possono raccogliere i tartufi per autoconsumo.

Gli spostamenti necessari per lo svolgimento di tale attività potranno essere esclusivamente individuali con l’obbligo di rientro in giornata presso l’abitazione abituale limitandosi al solo territorio regionale. Inoltre, occorre anche in questo caso mantenere la distanza interpersonale di sicurezza di almeno due metri.

La raccolta di funghi ipogei può essere ricondotte alle attività consentite al punto 8 dell’ordinanza n. 74 del 30 aprile 2020 del Presidente della Regione Emilia-Romagna.

Si può andare a pescare?

Sì, si può andare a pescare. La mobilità per la pratica della pesca sportiva deve limitarsi al solo territorio regionale, la pesca deve avvenire in forma individuale e nel rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di almeno due metri.

Rimane interdetto l’accesso alle spiagge, agli arenili e alla battigia. 

Con l’ordinanza n. 74 del 30 aprile scorso, il Presidente della Regione Emilia-Romagna ha formalizzato la riapertura della pesca sportiva nelle acque interne della nostra Regione. Il provvedimento chiarisce in maniera esplicita quanto già previsto dal Dpcm del 26 aprile che autorizzava lo svolgimento di attività sportive e motorie.

Dal 7 maggio ai sensi del punto 3 dell’ordinanza n. 75 del 6 maggio scorso è consentita la pesca anche all’interno di strutture dedicate alla pesca (laghetti pesca sportiva e simili) purché l’attività sia svolta all’aperto in spazi idonei che consentano nello svolgimento dell’attività il rispetto del distanziamento ed evitino il contatto fisico tra i singoli pescatori.

Si possono raccogliere i funghi?

Sì, è consentita la raccolta di funghi epigei ed ipogei per autoconsumo limitando gli spostamenti entro i limiti del territorio regionale. Gli spostamenti necessari per lo svolgimento di tali attività potranno essere esclusivamente individuali con l’obbligo di rientro in giornata presso l’abitazione abituale.

Posso andare ad accudire il mio cavallo presso l'allevamento in cui si trova?

Sì, l’attività di allevamento e addestramento animali è consentita nel rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di un metro. Lo spostamento è consentito a livello di ambito regionale.

Si può superare il confine del proprio comune mentre si corre o si va in bici?

Sì.

Si può andare a cavallo?

Sì.

Si può fare il bagno in mare, se si vive lungo la costa?

No. L’accesso alle spiagge è interdetto.

Posso andare in macchina al parco per correre e camminare?

Si.

È consentito l’allenamento sportivo in gruppi o per le squadre?

Sia a livello dilettantistico che professionistico l’allenamento è sempre e comunque svolto in forma individuale.
Per gli atleti professionisti e non professionisti riconosciuti di interesse nazionale dal CONI, dal CIP e dalle rispettive federazioni può essere svolto anche in strutture sportive a porte chiuse.
Per tutti gli altri (dilettanti, agonisti, giovani ecc.) l’allenamento è consentito solo all’aperto  anche in spazi idonei all’interno di circoli e strutture sportive, che consentano nello svolgimento dell’attività il rispetto del distanziamento ed evitino il contatto fisico tra i singoli atleti ai sensi del punto 3 della ordinanza regionale del 6 maggio.

Restano sospese ai sensi dell’art 1 lett. g del dpcm 26 aprile tutte le competizioni sportive di ogni ordine e disciplina.

È consentita la pratica degli sport acquatici?

Le attività sportive acquatiche (a titolo di esempio windsurf, canoa, immersioni e tutte le attività che avvengono attraverso l’uso di imbarcazioni) sono consentite in forma individuale nel rispetto del distanziamento ai sensi del punto 4 della ordinanza regionale del 6 maggio. L’accesso allo specchio d’acqua dove si effettua l’attività (mare o lago) possono avere luogo esclusivamente se l’amministrazione comunale dispone in tal senso e secondo specifiche modalità definite dalla stessa amministrazione.

Le piscine sono aperte?

No. Le piscine, sia al chiuso che all’aperto, non sono al momento accessibili se non per gli atleti professionisti riconosciuti di interesse nazionale dal CONI, dal CIP e dalle rispettive federazioni.

È possibile svolgere attività motorie all’interno di tensostrutture?

È possibile svolgere attività motoria e sportiva di cui al punto 3 dell’Ordinanza n. 75/2020 all’interno di tensostrutture solo se dotate di aperture da terra per minimo due metro di altezza su almeno due lati tali da permettere una adeguata areazione.

È consentito l’uso della bicicletta? È necessario partire dalla propria abitazione?

L’uso della bicicletta e l’attività sportiva ciclistica sono consentiti come attività motoria o sportiva nell’ambito del territorio regionale. È consentito partire da luoghi diversi dalla propria abitazione caricando la bici in auto.

Posso utilizzare la motocicletta?

La motocicletta al pari dell’automobile, della bicicletta e dei mezzi pubblici può essere utilizzata in tutti i casi consentiti di spostamento come strumento di trasporto. Sulla moto può essere caricato anche un passeggero se convivente con il guidatore.

Medicina dello sport

Sono sospese le visite di medicina dello sport per la valutazione della idoneità sportiva agonistica?

La deliberazione della Giunta Regionale n. 444/2020, disciplina il riavvio delle attività sanitarie non urgenti da parte delle strutture sanitarie pubbliche e private della Regione e prevede che sia le Aziende Sanitarie pubbliche che tutte le restanti strutture si attengano, nei principi, alle indicazioni di cui all’allegato relativo alle attività territoriali al capitolo “L’attività specialistica ambulatoriale”. Viceversa quanto riportato negli altri capitoli relativi alle attività territoriali diverse dalla specialistica ambulatoriale è vincolante solo per le Aziende Sanitarie pubbliche. In particolare il mantenimento della sospensione delle visite di medicina dello sport per la valutazione della idoneità sportiva agonistica riguarda solo le attività dei servizi pubblici, non le attività private.

Da ultimo si sottolinea che, per le indicazioni relative alla prevenzione del contagio, i contenuti della delibera sono validi per tutte le strutture sanitarie, pubbliche, private accreditate e non accreditate, studi medici e studi professionali, e ad esse ci si debba attenere con massima cura al fine di evitare che da contatti a finalità sanitaria si originino possibili contagi per professionisti e pazienti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Incidenti stradali

    Contro il guard-rail in curva sulla 45, grave un motociclista

  • Incidenti stradali

    Quattro feriti nel tamponamento, uno è grave

Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Isa Mazzocchi è la "chef donna 2021" per Michelin

  • Cronaca

    «Quando permetti alla mafia di entrare in casa tua, hai già perso tutto»

  • Attualità

    Un premio di laurea per ricordare Fausto Zermani

Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento