Don Federico Tagliaferri nuovo parroco di San Giuseppe Operaio

Il co-parroco della parrocchia del Preziosissimo Sangue è il successore di don Stefano Segalini, arrestato dalla polizia per presunti abusi sessuali

Don Federico Tagliaferri

Si è riunito la mattina del 29 agosto in Curia Vescovile il Consiglio Episcopale presieduto dal vescovo Gianni Ambrosio. «La questione più urgente che è stata affrontata - si legge nella nota della Diocesi - è quella della nomina del parroco della parrocchia cittadina di san Giuseppe Operaio. Dopo lunga riflessione, il vescovo e il Consiglio episcopale hanno chiesto a don Federico Tagliaferri, co-parroco della parrocchia del Preziosissimo Sangue, di assumere questo compito per ridare serenità e slancio alla comunità». Il riferimento è ovviamente alla vicenda dell'ex parroco don Stefano Segalini, arrestato dalla polizia agli inizi di luglio per presunti abusi sessuali, e il cui iter giudiziario è ancora aperto. Don Segalini attualmente è ancora agli arresti domiciliari in una struttura diocesana in Lombardia.
«Don Federico - prosegue - ha dichiarato la sua disponibilità ad assumere la responsabilità pastorale della comunità. A breve, verrà comunicato il nominativo del co-parroco del Preziosissimo Sangue e di san Corrado.
Un particolare ringraziamento va a don Giuseppe Basini, Vicario Episcopale della città che, con il Vicario Generale mons. Luigi Chiesa, ha svolto con dedizione il compito di amministratore parrocchiale di san Giuseppe Operaio».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ubriaco fradicio porta il coniuge trans a prostituirsi: «Arrotondiamo il bilancio familiare», denunciati

  • «Sto andando a medicare un mio amico perché è stato morso da uno squalo»: denunciato

  • Tamponi ed ecografia a domicilio per i sospetti Covid, quattro team medici da martedì casa per casa

  • Coronavirus, la curva rallenta ma ci sono ancora 25 morti: in tutto 447 da inizio epidemia

  • La situazione nei comuni piacentini aggiornata al 24 marzo

  • La situazione nei comuni del Piacentino aggiornata al 25 marzo

Torna su
IlPiacenza è in caricamento