Oltre 25mila visite al cimitero per ricordare i propri cari nella settimana dedicata ai defunti

Sottolineato il decoro del cimitero anche in un periodo in cui l’affluenza è parecchio superiore al consueto e soprattutto l’attenzione e la sensibilità con cui sono curate le tombe dei partigiani

Il corteo al cimitero

Come ogni anno il periodo della commemorazione dei defunti ha portato giorni di superlavoro agli addetti dei servizi cimiteriali piacentini. Nel periodo compreso fra mercoledì 30 e domenica 3 novembre è stato calcolato che abbiano fatto visita ai propri cari almeno 25mila persone, sommando gli ingressi al cimitero urbano a quelli frazionali. Tanti hanno deposto fiori sulle tombe di parenti o amici che non ci sono più, ma moltissimi ne hanno anche approfittato per definire alcuni aspetti burocratici: circa 400 utenti al giorno hanno affollato gli uffici di via Caorsana, aperti anche la domenica e che dunque complessivamente hanno dato risposte e sbrigato 2mila pratiche, a cui va aggiunto il migliaio di telefonate ricevute dagli addetti.

«E’ stato un periodo intensissimo – spiega Alessandro Di Mauro, amministratore delegato della Piacenza Servizi Cimiteriali – a cui siamo riusciti a far fronte con un grande sforzo e grazie alla professionalità dei nostri dipendenti. Gli uffici hanno ricevuto richieste disparate, spesso di persone che si trovavano in difficoltà perché eredi degli eredi dei defunti e dunque non a conoscenza delle situazioni specifiche. A tutti siamo riusciti a dare risposte esaurienti per risolvere circostanze anche complesse».

Il momento istituzionale del periodo dedicato ai defunti ha visto la messa e il corteo celebrati sabato 2 novembre, con la presenza di tutte le più alte cariche locali. E in tanti hanno voluto sottolineare il decoro del cimitero anche in un periodo in cui l’affluenza è parecchio superiore al consueto e soprattutto l’attenzione e la sensibilità con cui sono curate le tombe dei partigiani, a cui il corteo ha dedicato un pensiero con la deposizione di una corona. «Ci ha fato molto piacere – proseguono dalla Piacenza Servizi Cimiteriali – che molte persone ci abbiano espresso direttamente il proprio ringraziamento e altri, fra cui anche consiglieri comunali, si siano affidati ai social per sottolineare un aspetto per nulla scontato come la cura delle tombe di chi non ha più alcun parente pronto a ricordarli».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nel corso dell’ultima settimana all’esterno del cimitero alcuni incaricati di Emisphera hanno anche sottoposto ai piacentini un questionario con un’indagine sui servizi offerti. I dati raccolti verranno elaborati e resi noti nei prossimi mesi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Esce di strada e si ribalta in un campo, muore a 32 anni

  • Ruba scarpe da 40 euro ma nella mascherina ne ha più di 6mila: nomade denunciata

  • Nina Zilli porta Guido Meda in giro per la Valtrebbia

  • Cavo nel bosco ad altezza gola, ciclista piacentino salvo per miracolo

  • Diventano parenti al matrimonio e poi si picchiano al bar: due feriti e una denuncia

  • «Ho ucciso Leonardo, ma l’ho fatto per difendermi. Chiedo scusa alla famiglia»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento