rotate-mobile
Mercoledì, 21 Febbraio 2024
Cambiano le modalità

Oltre 500 piacentini convivono con una stomia: dal 1° gennaio ritiro dei presidi in farmacia

I pazienti portatori di colonstomia, ileostomie e urostomia potranno rivolgersi al farmacista mostrando la prescrizione dettagliata dei materiali e degli accessori, insieme nuovo piano terapeutico annuale 2024. Tutte le info

A Piacenza sono oltre 500 le persone che convivono con una stomia, temporanea o permanente. A fornire il dato è l’Ausl di Piacenza, che annuncia le nuove modalità dei ritiri dei presidi «per supportare ancora di più i propri pazienti» e la formalizzazione di un accordo con Federfarma «che va nella direzione di introdurre una nuova e più comoda modalità di ritiro dei presidi».

Cosa cambia dal 1 gennaio 2024 - «I materiali e gli accessori per la gestione della stomia - spiega l’Ausl - andranno ritirati direttamente nella propria farmacia di fiducia. I pazienti portatori di colonstomia, ileostomie e urostomia potranno rivolgersi al farmacista mostrando la prescrizione dettagliata dei presidi necessari, che viene fornita dai professionisti sanitari ospedalieri insieme al nuovo piano terapeutico annuale 2024. La fornitura erogata è mensile. Il nuovo terapeutico annuale 2024 deve essere rinnovato quando si avvicina l’esaurimento della fornitura attuale. Ogni paziente viene avvisato con un Sms e può contattare l’Ambulatorio stomie, collocato nel nucleo antico dell’ospedale di Piacenza, che si occupa della presa in carico complessiva di pazienti. Per informazioni: 0523.302080 (contatto della segreteria) o 0523.302084 (contatto dell’ambulatorio).
Le farmacie non potranno erogare la nuova fornitura se la persona non è in possesso del nuovo piano terapeutico 2024, consegnato dall’Ambulatorio stomie e richiedibile solo al termine delle attuali forniture».

                                     IMG_6018x

«Grazie alla disponibilità di dispositivi medici sempre più performanti – sottolinea la nota stampa - le persone portatrici di una sacca (detta stoma bag) possono condurre una vita di buona qualità. L'accesso agli ausili necessari per la gestione della stomia svolge un ruolo cruciale per mantenere la qualità della vita e del benessere psicologico.

«L’obiettivo – spiega Enrica Lavezzini, direttore della Farmacia territoriale dell’Azienda Usl di Piacenza – è quello di mettere a disposizione dei cittadini una rete capillare sul territorio come quella delle farmacie. La prossimità geografica con i pazienti, l’ampia estensione oraria, il rapporto di fiducia e confidenza consolidato nel tempo fanno delle farmacie un riferimento importante per i pazienti e le loro famiglie. L’accordo siglato conferma l’attenzione dell’Azienda all’ascolto dei bisogni dei cittadini e la volontà di perseguire, in linea con quanto previsto dalla Regione, l’implementazione delle attività affidate alla “Farmacia dei Servizi”, in una logica di sempre maggiore e proficua collaborazione con Federfarma».

«Siamo lieti di rappresentare una volta in più un utile riferimento di prossimità per i piacentini - ha confermato il numero uno di Federfarma Piacenza Roberto Laneri -. Operiamo sul territorio, nel tessuto della comunità, fra i quartieri: essere quotidiano front office dei cittadini risponde a quello spirito di servizio e relazione che siamo convinti possa fare la differenza. Per questo abbiamo accolto con piacere l’iniziativa promossa da AUsl. Una proposta volta non solo alla praticità di reperimento d’ausili e presidi medici per i pazienti ma anche, al bisogno, di consigli e spiegazioni che i farmacisti potranno fornire loro».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Oltre 500 piacentini convivono con una stomia: dal 1° gennaio ritiro dei presidi in farmacia

IlPiacenza è in caricamento