menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il Blocco B dell'ospedale di Fiorenzuola in costruzione (foto Leonardo Trespidi)

Il Blocco B dell'ospedale di Fiorenzuola in costruzione (foto Leonardo Trespidi)

Sanità, «Passi in avanti solo con un nuovo progetto comune»

L'ex sindaco Compiani replica a Gandolfi: «Il confronto tra soggetti fortemente impegnati in un settore complesso come quello sanitario non è mai anacronistico. Pensare al Blocco B, già in forte ritardo»

«Si pensi pure al Blocco C ma non si ha ancora notizia, purtroppo, di quali e quanti servizi saranno implementati in quello B (in costruzione, nda)» per la cui costruzione «siamo già in forte ritardo». Per l’ex sindaco di Fiorenzuola Giovanni Compiani, «se fossero stati rispettati i tempi, il Blocco B dell’ospedale di Fiorenzuola sarebbe oggi in prima linea nella riabilitazione dei pazienti colpiti da Covid-19».

«ARTICOLO UNO HA EVITATO SPOSTAMENTO CENTRO PRELIEVI IN PRONTO SOCCORSO» - In una nota in risposta all’intervento del sindaco Romeo Gandolfi («Rivedere il piano sanitario è una proposta anacronistica»), l’ex primo cittadino di Fiorenzuola rivendica la “conquista” di Articolo Uno: «Se non ci fosse stato il nostro intervento ora al posto del pronto soccorso (in questa fase punto di primo intervento, nda) avremmo il centro prelievi». E per l’emergenza urgenza «non bisogna mollare: i posti di terapia intensiva devono essere collocati anche nel nostro ospedale. Si parla troppo di sub intensiva, dimostratasi insufficiente durante la crisi sanitaria». Poi illustra un altro «esempio di blackout del sistema: per troppo tempo i medici di base sono stati lasciati senza direttive, in balia di sé stessi ad affrontare in prima linea questa gravissima emergenza sanitaria. Non si è pensato ed agito come sistema».

«LA CASA DELLA SALUTE È UN MIRAGGIO» - Secondo Compiani «la Casa della Salute non esaurisce la complessità della rete territoriale: avrebbe dovuto rappresentare un punto di riferimento rivolto ai cittadini per l’accesso alle cure primarie, per la continuità dell’assistenza, per la gestione delle patologie croniche ed il completamento dei principali percorsi diagnostici che non necessitano di ricorso all’ospedale. La Casa della Salute di Fiorenzuola, dopo quattro anni è tuttora un miraggio».

«IL CONFRONTO SULLA SALUTE NON È MAI ANACRONISTICO» - Rispondendo al sindaco Romeo Gandolfi Compiani scrive: «Apprezzo lo sforzo di intervenire sul Piano del 2017 che ha recepito, tra l’altro, problematiche sollevate pubblicamente da più parti, ma non basta. Bisogna che tutto il sistema sanitario e sociosanitario sia coinvolto in un unico grande progetto di nuova sanità. Solo attraverso una grande condivisione di un progetto comune, con l’esperienza di oggi, si potranno fare passi in avanti. Lo scambio di idee, di opinioni e il confronto, tra soggetti fortemente impegnati in un settore complesso come quello sanitario non è mai anacronistico. C’è l’esigenza di capire cosa ha funzionato e cosa invece non ha funzionato nella sanità italiana come in quella provinciale durante la terribile crisi pandemica. Oggi è tutto il sistema sanitario che deve essere chiamato ad esprimersi: non basta nemmeno “un programma” se non gli si danno le gambe per farlo funzionare. Non è anacronistico discutere di un sistema che non era preparato nazionalmente e neppure localmente». Conclude l’ex sindaco del capoluogo della Valdarda: «L’Azienda Sanitaria a Piacenza è una sola e non ci devono essere nodi forti e nodi deboli nella rete. Occorre costruire una vera rete territoriale e ospedaliera, analizzando il sistema sanitario piacentino nei suoi punti di forza e di debolezza e proporre un progetto condiviso di nuova sanità. Potrebbe essere un percorso faticoso? Certamente, ma anacronistica oggi è l’autoreferenzialità».  

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

«Il giardino di via Negri è un ritrovo di spacciatori»

Attualità

Usb: «Non saremo con i Si Cobas davanti alla Cgil»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento