rotate-mobile
Risparmio energetico

«Ridurre l’illuminazione sulle strade accresce il rischio di incidenti»

Il presidente dell’Osservatorio stradale dell'Emilia-Romagna: «Nelle ore serali e notturne indice di mortalità molto più elevato, specialmente per pedoni e ciclisti»

«Ridurre l’illuminazione sulle strade accresce il rischio di incidente». A parlare Mauro Sorbi, presidente dell'Osservatorio per l'educazione alla sicurezza stradale della Regione Emilia-Romagna. Un intervento scaturito dal piano energetico predisposto dalla Ue per ridurre i consumi energetici dove «tra le libere attuazioni, vi è anche quella che prevederebbe lo spegnimento delle luci stradali». «I tagli inevitabili sull’utilizzo dell’energia ovviamente non possono essere lineari - scrive Sorbi - ma neanche possono interessare comparti e strutture che salvaguardano la vita umana. Tra di essi, a pieno titolo, la rete stradale, perché è un dato inconfutabile che una corretta illuminazione è un fattore fondamentale per il contrasto all’incidentalità».

«I dati dell’incidentalità stradale - prosegue - attestano che nelle ore serali e notturne, in particolare in autunno ed in inverno, vi è un indice di mortalità molto più elevato che nelle ore diurne, specialmente per gli utenti deboli come pedoni e ciclisti che sono molto preoccupati per la loro incolumità. Anche i lavoratori che smontato o lavorano in turni anche notturni temono di essere poco visibili quando attraversano la strada o scendono dai propri autobus con la conseguenza di rischiare di essere travolti. Con l’arrivo dell’inverno, inoltre, il fondo stradale in qualche caso sconnesso e/o con la segnaletica orizzontale poco visibile, anche a causa della nebbia, o della neve e del ghiaccio, peggiorerà le proprie condizioni col conseguente aumento del rischio di incidenti!» 

«La sicurezza - aggiunge il presidente dell’Osservatorio - passa anche dalla percezione degli ostacoli e delle insidie della strada: ridurre l’illuminazione accresce il rischio di incidente. Senza illuminazione è difficile percepire le buche profonde, la segnaletica, i guardrail divelti e distrutti, le fronde che di protendono sulla sede stradale. Infine un auspicio: non si baratti un risparmio immediato con la possibilità che a causa della scarsa illuminazione succeda l’ennesimo grave incidente, anche perché un sinistro funesto costa di più di un risparmio sull’illuminazione. Fiat lux nelle menti di chi deve operare scelte così impattanti sulla vita di tutti i cittadini ed in particolare in quelle degli utenti deboli sulle strade: pedoni e ciclisti».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

«Ridurre l’illuminazione sulle strade accresce il rischio di incidenti»

IlPiacenza è in caricamento