menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
I fratelli Daturi

I fratelli Daturi

Personaggi illustri: i fratelli Giulio e Livio Daturi

La storia dei gemelli piacentini, caduti in guerra nel 1940, a cui è dedicata l'Arena adiacente a Palazzo Farnese

Nel 1915, Vicomarino di Ziano ha dato i natali ai gemelli Livio e Giulio Daturi, giovani eroi divenuti protagonisti della seconda guerra mondiale. Giulio e Livio sono cresciuti, hanno studiato alle magistrali Colombini, sono diventati insegnanti di educazione fisica, sempre insieme. Più che maestri furono educatori così giovani di altri giovani; forse troppo inquadrati negli schemi politici di quel periodo ma capaci di inculcare disciplina, dignità e lealtà e forza di spirito necessaria ad eccellere nell'attività sportiva ma sopratutto nella vita.

Frequentarono e parteciparono ai molti concorsi nazionali del periodo all'accademia navale di Livorno, alla scuola allievi ufficiali di Bassano e all'accademia di artiglieria e genio di Torino. Nel 1938 erano già aspiranti sottotenenti alpini. Poi fu la guerra, dalle nostre alpi alle tremende montagne dell'Epiro, della famiglia Daturi altri tre fratelli hanno combattuto nelle colonie africane ed in oriente nella regia marina. Ma Giulio e Livio sono volontari, il primo sul fronte occidentale con i suoi alpini mentre Livio deve pazientare perchè le sue domande in un primo momento non sono accettate. Sono diverse le corrispondenze tra i due fratelli impazienti di ricongiungersi per partecipare al conflitto. Nel frattempo Giulio parte per il fronte geco-albanese dove per i suoi atti eroici viene decorato sul campo con la medaglia di bronzo al valore. Finalmente Livio viene inviato in Albania, è su una nave l'otto dicembre quando scrive ai genitori che leggendo un bollettino di guerra apprende che il battaglione Bolzano (2°reggimento alpini divisione Pusteria quello di Giulio) si è fatto onore durante un combattimento. Non poteva ancora sapere che il sotto tenete Giulio Daturi alla testa del suo battaglione, furiosamente attaccato da forze dieci volte superiore, resiste accanitamente ma nei pressi di Suha cade eroicamente immolando la sua vita alla patria. Era il 5 dicembre 1940.

Dei combattimenti di quelle giornate sono giunti a noi pochissimi documenti consultabili, ma risulta che Livio si è prodigato alla lotta per il suo battaglione l'Aquila del 9° reggimento alpini divisione Julia, divisione considerata degli eroi. E lui da eroe cadde sul monte Chiarista una ventina di giorni dopo il martirio del fratello, del quale in questi giorni non seppe più nulla, nemmeno della sua morte. Di loro poco dopo scrissero: "La gioventù italiana ha i suoi campioni,le sue fiamme ideali. Giulio e Livio ancora e per sempre uniti nel cielo, hanno tanto amato i giovani e continuano essere i maestri. Dal cielo degli eroi insegnino a noi le loro virtù che da Suha e da Chiarista luminosamente indicano la via della fede della patria e della famiglia".

I loro resti mortali non furono mai ritrovati, ma una lapide a loro ricordo è stata collocata nella cappella familiare nel cimitero di Vicomarino di Ziano. A Piacenza è stato intitolato ai due gemelli Daturi il campo sportivo di fianco Palazzo Farnese, dove tantissimi giovani piacentini si recano quotidianamente a svolgere la loro attività sportiva e ludica.

Fonte: PiacenzAntica

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento