Attualità Bobbio

Più decoro a Bobbio: stop a cartelli pubblicitari e colori sgargianti

L’Amministrazione rimette mano al decoro del borgo con un’ordinanza in vista dell’afflusso di turisti in estate

C’è una nuova ordinanza a Bobbio, voluta dall’Amministrazione comunale del sindaco Roberto Pasquali. È arrivata l’ora di garantire più decoro pubblico nel “borgo dei borghi”, impedendo la proliferazione di cartelli e annunci pubblicitari dedicati alla promozione delle tante attività del paese, in giro per le vie. Alcuni esercenti e commercianti, secondo la Giunta, tendevano a mettere in mostra le peculiarità delle proprie attività, cercando di colpire l’occhio dei turisti su chi fa la pizza più buona o altre proposte. Ora tutti i cartelli dovranno essere eliminati per lasciare le sole insegne a “raccontare” negozi, pubblici esercizi e ristoranti. Un giro di vite anche sui dehors, che devono sempre garantire una rapida rimozione in caso di bisogno. Per chi non rispetta le regole, multe da 200 a 500 euro, fino alla revoca della concessione di suolo pubblico. Infine, altro giro di vite, stavolta per i proprietari di case. Per tinteggiare le abitazioni del centro storico bisogna scegliere colori “tenui”, in sintonia con quelli già esistenti a Bobbio. L'obiettivo è evitare un effetto “choc” nel contesto caratteristico del borgo. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Più decoro a Bobbio: stop a cartelli pubblicitari e colori sgargianti
IlPiacenza è in caricamento