rotate-mobile
Mercoledì, 21 Febbraio 2024
Le motivazioni / Podenzano

«Podenzano cresce economicamente ma mancano alloggi», via libera a 4 lottizzazioni

Il sindaco Piva: «Le aziende del territorio assumono e le richieste per vivere nel capoluogo non vengono esaudite. Abbiamo invece detto “no” a due importanti proposte di insediamenti della logistica»

«Podenzano è un paese in crescita economica e demografica, apriamo alla possibilità di nuovo residenziale, qualora i privati ritengano che ci siano le condizioni per attuarlo». Così Alessandro Piva, sindaco del comune più popoloso della Valnure, motiva la decisione di dare il via libera in Consiglio comunale a quattro possibili lottizzazioni, all’interno del Poc (piano operativo comunale) nell’area est del capoluogo, per una superficie complessiva di 142mila metri quadrati.

«Non c’erano lotti disponibili nel Comune di Podenzano, quindi abbiamo dato l’ok alle aree individuate dal Psc del 2014 come “potenzialmente edificabili”. Quattro delle cinque società proprietarie dei lotti (“Edilstrade Real Estate Srl”, “Sice Snc”, “Immobiliare Altoè” e “Il Focolare Building Srl”) che hanno versato per dieci anni l’Imu al nostro comune, hanno manifestato l’interesse per sviluppare del residenziale. Questo non significa che tutte e quattro le aree verranno edificate, ma se Podenzano proseguirà la sua crescita economica e demografica (attualmente ha più di 9mila abitanti, nda), avrà lo spazio per farlo».

LE POSSIBILI QUATTRO LOTTIZZAZIONI

«Alcune di queste aree (rispettivamente con una superficie complessiva da 18mila, 12mila, 85mila e 27mila mq) portano benefici per tutta la cittadinanza. In un caso (gli ambiti 11A, 11B E 12, l’area da 85mila mq) ci è stato permesso di avere a disposizione 25mila metri quadrati che ora classifichiamo come area verde, ma che in futuro potrebbe essere il luogo adatto per ospitare la nuova scuola materna». Questa al momento è un’ipotesi per quanto concerne l’area tra via Scotti e via Di Vittorio. «Non siamo riusciti a completare il polo scolastico acquisendo l’immobile di proprietà Coop al fianco delle scuole, non abbiamo trovato i fondi necessari per farlo. Ma intanto portiamo a casa il terreno per costruire un domani la nuova scuola materna».

Un’altra compensazione importante è una vasca di laminazione a Casaleto da 3mila mq, per quanto riguarda l’ambito 14: «Qualora il privato decidesse di costruire, garantirà quest’opera per proteggere la frazione dagli allagamenti, sarà in grado di convogliare qui tutta l’acqua proveniente da monte».

«LE AZIENDE ASSUMONO»

Sindaco, da cosa deduce che il territorio sia in crescita economica? «Diverse aziende di Podenzano - risponde Piva - si stanno espandendo e assumono: mi riferisco ad esempio ad Absolute Yachts, Drillmec, Bolzoni, LaPizza+1, Belloni, Consorzio Casalasco, Capellini». «Negli ultimi anni registriamo parecchie richieste per venire a vivere qui, ma gli alloggi disponibili mancano. Sarebbe controproducente precludersi la possibilità di edificare».

C’è poca offerta immobiliare nel capoluogo? «A Podenzano non si trovano case in vendita e in affitto, come un immobile viene messo sul mercato, in poco tempo viene acquisito». In una via del paese in un condominio di nuova costruzione da 5 appartamenti, fanno sapere dal Comune, quattro sono stati venduti subito in partenza.

«ABBIAMO DETTO “NO” ALLA LOGISTICA»

Piva ci tiene a far sapere che non vi è neanche un’azienda del settore logistica sul territorio comunale. «Nell’ultimo mandato sono arrivate due proposte su aree molto grosse, già di proprietà degli investitori, ma non abbiamo neanche mai iniziato il discorso. Siamo un comune a forte vocazione manifatturiera, la logistica non c’interessa».

LA CRITICA DI LEGAMBIENTE

Per Legambiente, invece, il Comune, approvando in Consiglio a fine dicembre (voto contrario della minoranza), ha voluto anticipare il Pug, aprendo alle lottizzazioni. «Rispetto la loro posizione - replica il primo cittadino -, ma non abbiamo mai consumato suolo, abbiamo sempre detto di “no” alla logistica e portato avanti recuperi importanti come l’ex Gabbiani. Nel Psc dell’epoca delle Amministrazioni del sindaco Ghisoni erano possibili 55 ambiti per un milione di metri quadrati pianificabili, tra industriale e residenziale. Oggi stiamo parlando di 31mila mq di residenziale su aree complessive da 130-140 mila mq». Inoltre il sindaco fa sapere che in primavera il Pug approderà alla fase di consultazione preliminare: «la completeremo entro il mandato».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

«Podenzano cresce economicamente ma mancano alloggi», via libera a 4 lottizzazioni

IlPiacenza è in caricamento