Attualità

«Ponte Lenzino, serve un viadotto più idoneo e sicuro. La Soprintendenza valuterà una diversa collocazione»

La nota del Comune di Ottone sull’esito dell’incontro del presidente della Provincia Patrizia Barbieri e dell’assessore regionale Andrea Corsini con la Soprintendenza

«Finalmente le proteste dei sindaci e soprattutto del popolo della valle sono state ascoltate. L’esito dell’incontro del presidente della Provincia Patrizia Barbieri e dell’assessore regionale Andrea Corsini con la Soprintendenza, ipotizzato e richiesto a gran voce, è stato proficuo». Inizia così la nota del Comune di Ottone relativamente alla questione del ponte Lenzino.

«L’architetto Azzolini ha promesso di riaprire il confronto dopo aver approfondito alcune caratteristiche a livello tecnico; speriamo che tali studi, che saranno compiuti da parte di Regione, Provincia ed Anas, possano evidenziare la necessità di cambiare il nefasto progetto di realizzare un ponte rispettando il percorso attuale con curve a gomito e prendere in considerazione un viadotto più idoneo e sicuro. La Soprintendenza valuterà quindi una diversa collocazione del ponte; sicuramente è un segnale positivo» continua. «Il ponte provvisorio, che sarà agibile a inizio giugno, arriverà presto e finalmente si potrà transitare senza dover passare in Lombardia, con i notevoli disagi in termini di tempo e di km. Ottone e gli altri paesi dell’alta valle,hanno necessità di percorrere la val Trebbia in sicurezza e più celermente, dopo i tanti disagi di questo periodo».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

«Ponte Lenzino, serve un viadotto più idoneo e sicuro. La Soprintendenza valuterà una diversa collocazione»

IlPiacenza è in caricamento