Attualità Caorso

Posti di lavoro e sicurezza della centrale, «Non c'è confronto con i vertici di Sogin»

Il Prefetto ha ricevuto le rappresentanze sindacali dei lavoratori Cgil, Cisl, Uil e le Rsu della Sogin di Caorso con la quale è in atto una vertenza

Nella mattinata di giovedì 25 ottobre il Prefetto ha ricevuto le rappresentanze sindacali dei lavoratori Cgil, Cisl, Uil e le Rsu della Sogin di Caorso - Società pubblica incaricata della gestione della dismissione del sito nucleare piacentino -   con la quale è in atto una vertenza che involge sia aspetti inerenti la tutela dei posti di lavoro sia profili di sicurezza della centrale.

«I sindacati – fanno sapere dagli uffici della Prefettura - hanno manifestato preoccupazione per una sostanziale assenza di confronto costruttivo con i vertici Sogin in merito alle prospettive occupazionali e al futuro della sicurezza dell’impianto. A tal fine, hanno chiesto al Prefetto di farsi portavoce delle loro articolate istanze nei confronti del Ministero dell’Interno, del Ministero Sviluppo Economico e della Regione Emilia Romagna, ciascuno per gli aspetti di competenza, precisando che anche il sindaco di Caorso, interessato alla questione, farà pervenire una sua nota in merito e a sostegno di una idonea soluzione della vicenda. Il Prefetto ha assicurato la propria disponibilità a rappresentare la situazione a livello centrale, tenuto conto non solo della necessità della tutela dei livelli occupazionali ma anche per i profili di sicurezza rilevati nell’articolato processo di dismissione della centrale piacentina».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Posti di lavoro e sicurezza della centrale, «Non c'è confronto con i vertici di Sogin»

IlPiacenza è in caricamento