menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

“Prendersi cura di chi cura”, un mese dedicato al personale sanitario e sociosanitario piacentino

Stanchezza psicofisica, ricerca di una nuova regolarità e desiderio di ripartire: questi i temi affrontati da diversi professionisti a disposizione del personale socio-sanitario piacentino provato dall’enorme sforzo consumato nel contrasto all’epidemia di Covid-19

Stanchezza psicofisica, ricerca di una nuova regolarità e desiderio di ripartire: questi in estrema sintesi i temi affrontati dal progetto “Prendersi cura di chi cura” che nello scorso mese di maggio ha visto protagonisti quatto diversi professionisti (Paolo Bertoncini, Giulio Costa, Giorgia Lombardo e Francesco Perelli) a disposizione del personale socio-sanitario piacentino provato dall’enorme sforzo consumato nel contrasto all’epidemia di Covid-19.

«Sono emerse situazioni di grande stanchezza – spiega lo psicologo Giulio Costa – Finché si viveva una situazione di urgenza c’era adrenalina, con il ritorno ai reparti di lavoro abituali è venuta talvolta alla luce una forte componente depressivo-malinconica».

La stanchezza accumulata nelle lunghe settimane dell’emergenza si è riflessa anche nell’ambito dell’alimentazione: in questo senso si è dimostrato importante saper trovare nuove regolarità per affrontare le turnazioni più impattanti ed intense. «Per alcune delle persone che ho incontrato – racconta la nutrizionista Giorgia Lombardo – la necessità era quella di regolare l’alimentazione per contrastare fatica e migliorare la qualità del sonno. In altri casi la nostra iniziativa è stata l’occasione per approcciare un percorso nutrizionale, con il desiderio di mangiare bene».

«Ho affrontato un quadro piuttosto variegato – conclude Francesco Perelli, fisioterapista – In questo senso si è rivelata piuttosto utile anche la collaborazione del mio collega, Paolo Bertoncini, al quale alcuni pazienti si sono poi rivolti per un percorso di preparazione atletica: segno della grande interdisciplinarità che ha contraddistinto tutta la nostra iniziativa».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

«Allargare la cava significa più inquinamento per la zona»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento