menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto di gruppo

Foto di gruppo

Presentato "Il mio diario", l'agenda della Polizia che insegna ai più piccoli la legalità

Il progetto, rivolto agli alunni di tutte le classi di terza elementare della città e della provincia, si avvale di due supereroi e di Geronimo Stilton per avvicinare gli studenti ai temi del rispetto degli altri e delle regole

Nella mattina di mercoledì 8 maggio, alla scuola primaria Caduti sul Lavoro, è stato presentato “Il mio diario” - progetto a cura della Polizia di Stato - un’agenda scolastica per l’anno 2019/2020 con fumetti e storie per avvicinare gli studenti alle tematiche della legalità. Tramite due supereroi, Vis e Musa, insieme al contributo di Geronimo Stilton - il topo giornalista più amato dai bambini di tutto il mondo - si affrontano vari temi: sport, integrazione, salute, ambiente, educazione stradale, social e tanto altro. 

«Si tratta di uno strumento utilissimo per avvicinare i ragazzi alla cultura della legalità, dell’amicizia e della sicurezza», ha spiegato il questore di Piacenza, Pietro Ostuni. «In questo diario ci sono molti temi importanti, come il rispetto dell’ambiente e il rispetto degli altri nello sport. Abbiamo scelto una scuola periferica, in un quartiere con delle problematiche, perché vogliamo essere vicini a queste zone dove bisogna anche favorire l’integrazione».

L’iniziativa, giunta alla sua sesta edizione, approda per la prima volta anche a Piacenza; all’interno del diario, oltre a storie e fumetti, sono presenti alcuni articoli della Costituzione italiana, inframezzati da frasi volte a sensibilizzare i più giovani verso giusti comportamenti e buone pratiche civiche.

«Faccio i complimenti a chi ha organizzato questa iniziativa, a cominciare dal questore», ha sottolineato Stefano Brusati, presidente del tribunale di Piacenza. «La legalità è fondamentale: il rispetto delle regole non è una frase fatta, ma costituisce il fondamento della nostra democrazia. Se non ci sono regole chiare e precise mancano i presupposti della democrazia, e sono proprio questi eventi che contribuiscono ad alimentarla».

Durante l’incontro, i bambini hanno potuto ammirare alcuni mezzi in dotazione alla Polizia di Stato: due moto della Polstrada di Piacenza, un auto della Squadra Volante del 113 e una Jeep della Polizia Scientifica. Gli agenti di quest’ultima, inoltre, hanno mostrato alcune metodologie e situazioni classiche del loro lavoro, come la rilevazione delle impronte digitali, tra l’entusiasmo e la curiosità dei piccoli alunni.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento