Progetti urbanistici per gli spazi aperti di Lugagnano, gli studenti del Politecnico ne discutono con il sindaco

La discussione ha avviato la fase progettuale che non riguarderà nuove espansioni urbanistiche, prive oggi di una reale domanda, bensì la qualità degli spazi aperti della città ordinaria, quella abitata tutti i giorni

Alcuni momenti dell'incontro

Nella sede di Piacenza del Politecnico di Milano, il sindaco di Lugagnano Jonathan Papamarenghi ha discusso con gli allievi del primo anno di Progettazione dell’architettura di alcuni possibili interventi di miglioramento della qualità urbanistica del paese della Valdarda. Nell’ambito del Laboratorio di urbanistica, coordinato dal professor Marco Mareggi con la professoressa Chiara Locardi, coadiuvati dagli architetti Fabio Boiardi, Elisabetta Cattivelli e Federico Bressanelli, il sindaco è intervenuto al laboratorio dopo che gli studenti avevano già condotto alcune prime ricerche esplorative sul territorio.

La discussione tra sindaco, docenti e studenti ha avviato la fase progettuale che non riguarderà nuove espansioni urbanistiche, prive oggi di una reale domanda, bensì la qualità degli spazi aperti della città ordinaria, quella abitata tutti i giorni, a cui non si presta più attenzione e che non vediamo quasi più. «Così - sottolinea il professor Mareggi - gli studenti pensano e progettano Lugagnano rispetto ad una riqualificazione dei luoghi della produzione artigianale-industriale, alla ricucitura dei rapporti tra territorio urbanizzato e i torrenti Arda e Chiavenna, alla riscoperta dell’acqua lungo l’Arda (un affaccio al fiume del paese poco riconoscibile e con grandi potenzialità per sport e tempo libero) e al ridisegno degli spazi pubblici del centro abitato». «Sono temi in agenda sui quali, pur con scarsità di risorse, sta riflettendo anche l’Amministrazione» afferma Papamarenghi, «e ai quali in parte si sta provvedendo. È però una buona occasione poterci riflettere con la liberà che le aule universitarie consento e per il potenziale contributo innovativo che gli studenti potranno mettere in campo. Soprattutto è utile ragionare, come non sempre avviene, sullo sviluppo del paese secondo un disegno globale».

Gli studenti, consapevoli dell’opportunità di confrontarsi direttamente con il Sindaco, lo hanno interrogato ponendo domande capaci di sollevare problemi alla ricerca di possibili soluzioni per il territorio. «Oltre all’ottimo lavoro che i futuri architetti stanno svolgendo - conclude Papamarenghi - c’è la bella iniziativa, fuori dall’usuale, che chiuderà il laboratorio didattico: a giugno si terra proprio nel Palazzo Municipale di Lugagnano Valdarda una sessione di esami assieme ad una mostra dove gli stessi studenti illustreranno le loro proposte progettuali».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • San Nicolò, schianto all'incrocio tra un'ambulanza e un'auto: quattro feriti

  • Carla non ce l'ha fatta, il suo alpino Stefano la piange dopo la serenata davanti all'ospedale

  • «Noi facciamo sesso, licenziateci tutte». Il Centro Tice prende posizione sul caso della maestra di Torino

  • Con la caldaia rotta accendono il gas per scaldarsi, famiglia intossicata

  • In auto centra tre vetture in sosta e si ribalta. Illeso

  • Farini, addio al ristoratore Adriano Figoni

Torna su
IlPiacenza è in caricamento