Progetto Cabios: come ridurre il rilascio di sostanze inquinanti e migliorare la qualità delle acque e del suolo

Le attività di progetto sono state realizzate in 4 aziende tra loro consorziate per la produzione di biogas e partner del Gruppo Operativo Cabios, ovvero la Società agricola Colombarone di Paraboschi e Carini, l'Azienda Agricola Eridano di Zermani F.lli S.S., l'Azienda Agricola Serena Tranquillo, l'Azienda Agricola Rossi Giorgio e Rossi Maurizio e il Centro Ricerche Produzioni Animali – CRPA SpA

Il convegno

Come attivare un sistema innovativo di gestione dell'agro-eco-sistema per ridurre il rilascio di nitrati ed erbicidi nei corpi idrici, migliorando la qualità delle acque e aumentando la qualità fisica, biologica e chimica dei suoli: questo l'obiettivo del gruppo operativo Cabios (Conservation agriculture and Bioenergy buffer strips for water and soil quality improvement), finanziato dalla Regione Emilia Romagna tramite il  Psr regionale 2014-2020.

I risultati del progetto da poco concluso sono stati oggetto di un incontro che si è svolto nell’aula “Piana” della Cattolica di Piacenza. «Aveva lo scopo- ha evidenziato il coordinatore Stefano Amaducci della Cattolica- di monitorare l'efficienza agro-ambientale di un pacchetto innovativo di pratiche proprie dell'agricoltura conservativa abbinato all'irrigazione con ala gocciolante interrata. Gli indicatori misurati hanno permesso di quantificare l’impronta carbonica delle varie pratiche e la riduzione del rilascio di sostanze inquinanti insieme al miglioramento della qualità delle acque e del suolo».

Le attività di progetto sono state realizzate in 4 aziende tra loro consorziate per la produzione di biogas e partner del Gruppo Operativo Cabios, ovvero la Società agricola Colombarone di Paraboschi e Carini, l'Azienda Agricola Eridano di Zermani F.lli S.S., l'Azienda Agricola Serena Tranquillo, l'Azienda Agricola Rossi Giorgio e Rossi Maurizio e il Centro Ricerche Produzioni Animali – CRPA SpA.

Di efficienza agro ambientale, fasce tampone e agricoltura conservativa ha trattato Andrea Ferrarini della Cattolica mentre della subirrigazione ha relazionato Sabrina Rossi del Consorzio Agrario Terrepadane. Alessandro Agostini di ENEA si è occupato dell’ impronta carbonica dei sistemi agricoli (dalla gestione del suolo alla produzione di biogas), mentre le conclusioni sono state tratte da Stefano Nannetti della  Regione Emilia-Romagna.

«Il progetto- è stato evidenziato-  ha coinvolto quattro aziende agricole con tre tipologie di suolo: franco-limoso, argilloso-limoso e franco, consorziate tra loro per la produzione di biogas e si è basato sull'integrazione di tecniche di agricoltura conservativa in combinazione con irrigazione con ala gocciolante interrata (Sdi) per l'ottimizzazione della concimazione azotata, attraverso la distribuzione puntuale e localizzata della frazione liquida del digestato e con la realizzazione di fasce tampone bioenergetiche lungo i margini dei campi. Le tecniche di gestione conservativa del suolo hanno previsto la non lavorazione, la semina su sodo e l'inserimento di colture di copertura (cover crop) in successione alla coltura principale. Il sistema è stato comparato con un sistema convenzionale gestito con le normali pratiche di aratura, erpicatura, sarchiatura, irrigazione e semina». 

Le prove sono state svolte tra il 2017 e il 2019. I monitoraggi effettuati sulla soluzione circolante dei suoli a diverse profondità hanno evidenziato, per le fasce tampone con miscanto rispetto a quelle inerbite con specie spontanee, una buona e un'ottima capacità di contenimento rispettivamente del flusso dei nitrati e degli erbicidi verso i corpi idrici superficiali e sotto superficiali.

L'introduzione della minima lavorazione e delle cover crop ha fornito risultati contrastanti. Infatti, rispetto al sistema convenzionale si è rilevato un maggior contenimento della lisciviazione dei nitrati e degli erbicidi pre e post-emergenza nei suoli a tessitura più fine, mentre si è riscontrato un incremento della concentrazione del glifosate e del suo principale metabolita.

Grazie alla subirrigazione, l'efficienza d'uso dell'azoto e dell'acqua irrigua, valutata attraverso l'analisi della biomassa delle varie colture in rotazione, ha registrato un aumento del 30% (kg sostanza secca/m3 acqua) e la riduzione del 30% dei costi energetici.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nelle aziende di Cabios, in generale, l'agricoltura conservativa ha mostrato nel breve periodo (due anni) un aumento significativo della qualità dell'acqua e del suolo in termini biologici, con un aumento significativo della biomassa microbica, dell'attività di mineralizzazione dei nutrienti, dell'N potenzialmente mineralizzabile e disponibile per le piante e del numero di lombrichi. Per contro si è evidenziata una riduzione della qualità fisica del suolo legata al maggiore grado di compattazione, che può condizionare le rese su sodo di colture più sensibili come il mais.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ruba scarpe da 40 euro ma nella mascherina ne ha più di 6mila: nomade denunciata

  • Tenta un sorpasso a velocità folle poi si ribalta e tenta di scappare a piedi: denunciato

  • Nina Zilli porta Guido Meda in giro per la Valtrebbia

  • San Polo, camion di pomodori si ribalta e perde tutto il carico

  • Diventano parenti al matrimonio e poi si picchiano al bar: due feriti e una denuncia

  • Cavo nel bosco ad altezza gola, ciclista piacentino salvo per miracolo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento