Domenica, 14 Luglio 2024
Il programma

Arte, musica, intrattenimento e gastronomia: Piacenza si prepara a brillare con cinque Venerdì Piacentini

Al via la 12esima stagione il 21 giugno. Le strade del centro pronte a riempirsi di suoni e colori che creano un’atmosfera unica e che mescolano tutti i generi musicali con performance di danza, eventi sportivi, installazioni artistiche e molto altro

Piacenza, una città che trasuda storia, cultura e tradizione, è pronta a dare il via a uno degli eventi più attesi dell’anno: i Venerdì Piacentini. Questo straordinario festival, che si tiene ogni estate nel cuore pulsante della città, cattura l’immaginazione di visitatori provenienti da ogni parte d’Italia. Venerdì 21 e 28 giugno, 5, 12 e 19 luglio, Piacenza si trasformerà in un vivace teatro a cielo aperto, dove arte, musica e gastronomia si intrecciano per offrire un’esperienza indimenticabile.

SCARICA IL PROGRAMMA

Non solo i Venerdì Piacentini offrono una miriade di spettacoli e intrattenimento, ma rappresentano anche una spinta significativa per l’economia locale. Le strade del centro storico si riempiono di suoni e colori, creando un’atmosfera unica che mescola tutti i generi musicali con performance di danza, eventi sportivi, installazioni artistiche e molto altro. La musica è protagonista, ma il festival è una celebrazione della cultura in tutte le sue forme, con artisti di ogni genere che si esibiscono e offrono esperienze che soddisfano ogni gusto, con i musei che restano aperti la sera (come la Galleria d’Arte Moderna Ricci Oddi, la pinacoteca di Palazzo Farnese o la Galleria d’Arte Contemporanea Xnl), con incontri letterari e molto altro. Nel ricco programma della manifestazione trova spazio anche lo sport con incontri di Wrestling (della federazione Icw), il tradizionale Gran Galà del pattinaggio artistico a rotelle, la Boxe sotto le stelle e una serata interamente dedicata alla nobile disciplina della scherma.

Ma i Venerdì Piacentini non sono solo arte e spettacolo. Sono anche un vero e proprio paradiso per i buongustai. Piacenza è famosa per la sua cucina tradizionale e, durante il festival, le strade si animano con stazioni gastronomiche che offrono specialità locali come i prelibati salumi piacentini (tra cui le classiche Dop Coppa, Pancetta e Salame, ma con le prelibatezze che hanno conquistato il mondo come il Prosciutto e la Pancetta Cotta) accompagnati da gnocco fritto, bortellina o tigelle, i tortelli con le code ripieni di ricotta e spinaci, i mitici pisarei e fasö, gli anolini in brodo che si gustano anche d’estate e i tanti dolci tipici come la sbrisolona, la torta di Vigolo, la Spisigona. Un’occasione imperdibile per immergersi nei sapori autentici della tradizione locale.

Il format, ideato dall’agenzia di comunicazione Blacklemon che dal 2011 organizza ogni aspetto della kermesse ed è proprietaria del marchio, coinvolge l’intera comunità di Piacenza. Lavorando insieme alle associazioni locali (come Vita in Centro, Confesercenti e Unione Commercianti), grazie alla collaborazione del Comune di Piacenza, coinvolgendo scuole, artisti emergenti e commercianti che contribuiscono attivamente al programma, si crea un forte senso di appartenenza e una sinergia che rende la rassegna un’esperienza autentica e trascinante. È questo spirito di collaborazione che fa sì che i Venerdì Piacentini di Blacklemon siano molto più di un semplice festival: sono un vero e proprio simbolo dell’identità vibrante di Piacenza.

Concepita da esperti di marketing territoriale e di comunicazione proprio allo scopo di sostenere il commercio locale, questa manifestazione non è solo un punto di riferimento culturale, ma anche un motore economico di rilievo. Si stima che l’indotto generato dai Venerdì Piacentini si avvicini ai 10 milioni di euro, una cifra che potrebbe triplicare se i turisti decidessero di prolungare il loro soggiorno nel weekend, soggiornando nel capoluogo o nelle valli piacentine. Questo afflusso di visitatori non solo arricchisce la scena culturale locale, ma sostiene anche ristoranti, bar, negozi e strutture ricettive, creando un circolo virtuoso che beneficia tutta la comunità.

Ogni edizione del festival vede un incremento di visibilità mediatica, attirando l’attenzione di giornali, radio e televisioni locali e nazionali. Questa copertura mediatica mette in luce Piacenza e le sue eccellenze culturali, promuovendo il turismo e attirando nuovi visitatori. La sfida futura è coinvolgere sempre di più le strutture ricettive locali, affinché l’evento possa generare ancora maggiori benefici economici per la città e la provincia.

E per sostenere con ancora più forza il “brand Piacenza”, durante l’edizione 2024 della kermesse verrà distribuita una rivista speciale, realizzata per i 25 anni della testata “Piacenza Night” e dell’agenzia Blacklemon. Questo numero da collezione, impreziosito da immagini mozzafiato, racconta tutto ciò che di bello Piacenza può offrire ai visitatori, con l’auspicio di invogliare i tantissimi turisti ad organizzare una gita nel capoluogo e in provincia, incrementando l’indotto per le aziende locali.

La dodicesima edizione dei Venerdì Piacentini, organizzata da Blacklemon, vede la conferma di Iren come partner principale, consolidando un sodalizio che dura dal 2011. Quest’anno, anche Banca di Piacenza ha confermato il suo supporto come unico “Platinum Sponsor”, garantendo così un sostegno prezioso per la realizzazione di questo evento straordinario. Tra i partner dell’iniziativa ci sono altre importanti realtà del territorio, come Trs Ecology, Cementirossi, Saib, Impresa Cogni e Terrepadane. Chiunque sia in cerca di un’esperienza indimenticabile, non può perdere l’occasione di partecipare ai Venerdì Piacentini, per scoprire tutto ciò che Piacenza ha da offrire: una città che, attraverso questo festival, mostra il suo lato più vivace, accogliente e culturalmente ricco.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Arte, musica, intrattenimento e gastronomia: Piacenza si prepara a brillare con cinque Venerdì Piacentini
IlPiacenza è in caricamento