Provincia di Piacenza: maggior liquidità alle imprese grazie ai pagamenti anticipati

Firmato questa mattina dal presidente Barbieri il provvedimento a sostegno delle imprese del nostro territorio

Via libera all’accelerazione dei pagamenti delle imprese che stanno eseguendo lavori per conto della Provincia. Il presidente della Provincia di Piacenza Patrizia Barbieri, infatti, ha approvato questa mattina un provvedimento per accelerare il pagamento dei lavori in esecuzione per conto dell’Ente. La Provincia intende così mettere in campo un’azione concreta che concorra a dare un po’ di ossigeno alle imprese chiamate a far fronte alla crisi socio-economica che deriva dall’emergenza Coronavirus.

La decisione è stata assunta per venire incontro alle esigenze delle imprese, anche in accoglimento di una richiesta pervenuta anche da ANCE, l'Associazione nazionale costruttori edili emersa con forza anche al tavolo provinciale sul lavoro dei giorni scorsi.

«L'emergenza sanitaria che stiamo vivendo – commenta il Presidente Barbieri – rafforza la necessità di dare risposte rapide e concrete, per essere vicino alla comunità. Velocizzare i pagamenti agli appaltatori della Provincia liquidando loro i lavori già eseguiti anche prima di quanto previsto dai contratti in essere, è un modo per assicurare più liquidità alle imprese dando un sostegno concreto in questa fase di sospensione dei cantieri. Ritengo doveroso compiere ogni azione che possa supportare il tessuto economico del nostro territorio».

Il presidente ha così assunto un atto di indirizzo affinché, considerata la situazione eccezionale che si è determinata, i dirigenti competenti provvedano al pagamento dei lavori realizzati in esecuzione dei contratti di appalto stipulati con la Provincia di Piacenza, sospesi a causa delle disposizioni nazionali e regionali adottate in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19, anche se i lavori già eseguiti non hanno ancora raggiunto le soglie contrattuali previste per la liquidazione. 

Una misura che vuole evitare che, a fronte di opere già eseguite e quindi di costi già sostenuti, le imprese si trovino nell’impossibilità di essere pagate per una sospensione dei lavori della quale non sono certamente responsabili.

Il momento attuale – si legge nel documento -  per gravità ed emergenza, richiede da parte delle Stazioni Appaltanti una valutazione circa l’opportunità di procedere alla liquidazione dei lavori eseguiti fino alla data di sospensione, anche in deroga ai termini di pagamento previsti dai contratti, per venire incontro alle inevitabili ripercussioni che il presente momento emergenziale comporta in tema di liquidità delle stesse imprese. Riconoscere agli appaltatori quanto effettivamente realizzato prima dello stop delle attività, permetterebbe gli stessi di poter a loro volta liquidare fornitori, subappaltatori e maestranze in un momento storico in cui la sospensione di tutte le attività ha congelato improvvisamente le filiere produttive e, conseguentemente, i relativi flussi economici.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«In questa grave situazione di emergenza, che non è solo sanitaria ma anche economica, vogliamo erogare quanto dovuto alle imprese che operano per conto della Provincia, anche se non hanno raggiunto il limite previsto per lo stato di avanzamento dei lavori. L’ente, dunque, pagherà quello che le imprese hanno già realizzato e nei prossimi giorni adotterò la stessa misura anche per il Comune di Piacenza. E’ fondamentale offrire sostegno a tutte le imprese per riattivare, insieme, il motore della nostra economia».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Esce di strada e si ribalta in un campo, muore a 32 anni

  • Ruba scarpe da 40 euro ma nella mascherina ne ha più di 6mila: nomade denunciata

  • Nina Zilli porta Guido Meda in giro per la Valtrebbia

  • Cavo nel bosco ad altezza gola, ciclista piacentino salvo per miracolo

  • Diventano parenti al matrimonio e poi si picchiano al bar: due feriti e una denuncia

  • «Ho ucciso Leonardo, ma l’ho fatto per difendermi. Chiedo scusa alla famiglia»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento