rotate-mobile
Martedì, 7 Dicembre 2021
Attualità

Provincia e Coni insieme per il futuro dello sport

Appuntamento dedicato ai Comuni su vari temi di politica, programmazione e impiantistica sportiva. Focus sui bandi dell’Istituto per il Credito Sportivo

Un appuntamento di informazione e di orientamento su un’ampia serie di tematiche di politica, programmazione e impiantistica sportiva, che ha offerto anche una panoramica su alcune opportunità di finanziamento per interventi nel settore: questo il senso dell’incontro ospitato dalla Sala Consiglio della Provincia di Piacenza.

«La Provincia di Piacenza - ha ricordato in apertura Patrizia Barbieri, presidente dell’Ente di Corso Garibaldi - ha organizzato questo evento, in collaborazione con il Coni Point di Piacenza e il Coni regionale, pensando alle esigenze del territorio in ambito sportivo, al fine di agevolare concretamente Comuni, sindaci e assessori competenti nell’ottenere informazioni che di solito faticano a raggiungere gli enti locali».

Sintetizzati i diversi argomenti poi discussi dall’assemblea, Patrizia Barbieri ha poi salutato tutti gli ospiti a partite dal presidente regionale del Coni Emilia-Romagna Andrea Dondi, “Per la prima volta a Piacenza da quando ricopre questa importante carica”.

Il presidente della Provincia ha infine ringraziato per il fondamentale apporto all’organizzazione e allo svolgimento dell’incontro Robert Gionelli, delegato provinciale del Coni di Piacenza, che nel suo intervento di saluto ha tra l’altro ricordato l’importanza di contattare i referenti tecnici del Coni per ogni intervento legato all’impiantistica sportiva: “E’ un passaggio fondamentale per evitare problemi legati a tematiche delicate, quali l’omologazione delle strutture o le questioni assicurative”.  

A ribadire il concetto è stato anche il presidente regionale del Coni Emilia-Romagna Andrea Dondi, che ha delineato un coinvolgente quadro a 360 gradi su attuale ruolo e azioni attualmente intraprese su più fronti dal Coni a livello provinciale, regionale e nazionale.

Carlo Guidetti, responsabile regionale per l'impiantistica sportiva Coni, ha ribadito come il placet dei tecnici dell’ente sia la più solida garanzia della corretta applicazione delle complesse norme di settore e ha aggiunto una serie di spunti in riferimento alla crescente attenzione per gli aspetti del risparmio energetico e dei costi gestionali delle strutture.

Alessandro Massai, responsabile regionale dell’Istituto per il Credito Sportivo, ha elencato le opportunità per gli enti territoriali offerte da alcuni bandi in scadenza a fine mese a Taeg e Tan 0%: per esempio con “Sport Missione Comune” è possibile ottenere da 2 a 6 milioni di euro (in base alla dimensione dell’Ente che presenta l’istanza) per progetti, definitivi o esecutivi, relativi a costruzione, ampliamento, attrezzatura, miglioramento, ristrutturazione, efficientamento energetico, completamento e messa a norma di impianti sportivi, anche a servizio delle scuole, compresa l’acquisizione delle aree e degli immobili destinati all’attività sportiva, mentre con “Cultura Missione Comune” è possibile ottenere da 2 a 6 milioni di euro (in base alla dimensione dell’Ente che presenta l’istanza) per interventi sul patrimonio culturale.  

Invitato dal delegato provinciale Coni Robert Gionelli ha preso la parola anche l’architetto Giuseppe Baracchi, esperto di impiantistica sportiva, che ha sottolineato le opportunità di rigenerazione offerte dal recupero di spazi urbani abbandonati e ha ricordato le opportunità offerte alle realtà sportive dal superbonus 110% per la ristrutturazione e la riqualificazione degli spogliatoi degli impianti.  

Il fondatore dello Studio Ghiretti di Parma (oggi SG Plus) Roberto Ghiretti ha poi tracciato un excursus su storia, attualità e prospettive future dello sport, un’ agenzia educativa che - unendo “passione, visione e azione” - sarà strumento sempre più insostituibile sui fronti della salute, della lotta al disagio giovanile, della connessione sociale, dell’integrazione e delle pari opportunità: “Sport Plan” e “Patto Sociale” ad hoc saranno, per Ghiretti, le chiavi per una crescita del settore sportivo utile a tutto il Paese. 

Al futuro guardano anche i progetti nazionali e regionali del Coni – improntati a multidisciplinarità, cultura sportiva (quella emiliano-romagnola del Coni è la seconda biblioteca sportiva a livello nazionale), consulenza e progettualità da parte di neolaureati, scuola regionale per dirigenti sportivi - di cui ha parlato il vicepresidente vicario del Coni regionale Andrea Vaccaro.

A chiudere l’appuntamento sono state le risposte dei relatori sollecitate dalle domande formulate da diversi dei circa 25 tra sindaci e assessori che hanno partecipato all’incontro. 

Un altro evento inedito ha concluso la giornata: come anticipato in apertura dal presidente della Provincia Barbieri, la sala consigliare della Provincia ha infatti ospitato anche la Giunta regionale del Coni dell’Emilia-Romagna, la cui riunione si è svolta a Piacenza per la prima volta in assoluto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Provincia e Coni insieme per il futuro dello sport

IlPiacenza è in caricamento