Attualità

Quando lavorare all’Arsenale era come essere in una botte di ferro

Com'era la vita al Polo di Mantenimento pesante di Piacenza: si andava in piscina, a teatro e c’era anche la colonia per bambini

FOTO ORESTE GRANA

Il nostro focus sui contenuti dell’esposizione museale allestita all’interno del “Polo mantenimento Nord di Piacenza”, in questa quinta puntata illustra l’attività del “Dopolavoro Arsenale Regio Esercito di Piacenza”, della cui operatività si trovano tracce nel secolo scorso quando negli anni dal 1936 al 1939 vengono costruiti i reparti Bocche da Fuoco e Affusti. Si pensò anche alla preparazione del personale, potenziando la scuola apprendisti e al suo benessere, ampliando il Dopolavoro (come allora veniva definito il CRAL) per il quale furono costruiti anche un teatro, una piscina, campi da tennis, giardini ed altro sfruttando la zona a nord ovest a ridosso di barriera Torino e conglobando la “Porta di S. Antonio”.

Il Dopolavoro o Circolo ricreativo Arsenale, ha offerto ai dipendenti l’opportunità di un insieme di occasioni ricreative svolte dopo la fine della normale attività lavorativa giornaliera. Tradizionalmente le attività più frequentate erano quelle legate al gioco delle carte, del biliardo e delle bocce. Tra la fine degli anni Trenta e nei primi anni Quaranta si ricordano conferenze su temi di attualità e anche spettacoli di  varietà. Negli anni ’40 viene inaugurata la colonia “Diaz” sorta attorno porta di S. Antonio con ingresso dalla cinta muraria farnesiana. “Il severo ambiente dell’Arsenale”, così titolava il quotidiano di Piacenza “La Scure”, era dotato anche di una colonia per un centinaio di bambini la “cui bella costruzione dalle linee eleganti suggeriscono l’idea di una bianca nave: ecco una vasta area sistemata a giardino, un ampio arenile, ed un’invitante piscina..”.Tra il novembre 1976 e il 1980 il Dopolavoro divenuto “Circolo ricreativo”, sviluppò il settore viaggi turistici, competizioni sportive, tornei sociali e altro. Per alcuni anni ebbe anche un proprio periodico culturale informativo con notizie e cronache sugli eventi interni e cittadini. Il titolo della testata era “La buta ad féér”, frase che stava a significare la fortuna di lavorare all’Arsenale “A tè in una...". Nel 1997 il Circolo Ricreativo, dal 1986 divenuto C.R.D.D. (Circolo Ricreativo Dipendenti Difesa), chiudeva definitivamente i battenti.

LUNEDI’ CONCERTO PER i 108 ANNI DALLA COSTITUZIONE DELL’ARSENALE ESERCITO PIACENZA

Il prossimo 1° luglio saranno trascorsi 108° anni dalla Costituzione dell’Arsenale Esercito Piacenza (AEP) dalle cui origini il Polo di Mantenimento Pesante Nord ha ereditato competenze e professionalità. Nella cornice storica di Viale Malta, domenica 30 giugno a partire dalle ore 18,30, è previsto un momento d’incontro con la cittadinanza e la comunità piacentina, dove tutti sono invitati al concerto che sarà tenuto dalla Banda dell’Arma dei Trasporti e Materiali. Ingresso libero da Viale Malta n. 30.  Il personale del Polo sarà lieto di condividere l’evento con tutti coloro che vorranno partecipare.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Quando lavorare all’Arsenale era come essere in una botte di ferro

IlPiacenza è in caricamento